Registrati 13 casi di contagio a Melbourne: timori per variante "iperinfettiva". I biglietti saranno rimborsati

Gli Australian Open – prima prova del Grande Slam in corso a Melbourne – proseguiranno a porte chiuse. Lo ha stabilito il premier dello Stato di Victoria (di cui Melbourne è la capitale) Daniel Andrews, annunciando un nuovo lockdown di cinque giorni per contenere la nuova ondata di Covid-19 dovuta a una variante del virus ritenuta “iperinfettiva”. 

C’era tanta attesa per il ritorno del pubblico sugli spalti in un torneo di tennis dopo che la scorsa stagione, ripresa in seguito al lungo lockdown, si era disputata senza tifosi. Al Melbourne Park, nel corso della prima settimana, era stato consentito l’accesso di 30mila persone al giorno. Da sabato 13 febbraio i match si giocheranno quindi a porte chiuse. I biglietti saranno rimborsati.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata