Tasso di positività scende al 4,5%. Confermato fino al 25 febbraio blocco spostamenti tra regioni

Sono 13.908 i nuovi casi di coronavirus in Italia, a fronte di 305.619 tamponi processati, tra molecolari e antigenici.

Il tasso di positività è al 4,5% (ieri era al 5,2%).

I decessi sono 316, per un totale di 93.045 vittime da inizio pandemia.

Cala di 31 pazienti il numero dei ricoverati in terapia intensiva, mentre sono 206 in meno i ricoveri ordinari.

Confermato fino al 25 febbraio il blocco degli spostamenti tra le regioni. In risalita l’indice Rt nazionale, passato da 0,84 a 0,95. In sette regioni l’indice è sopra la soglia di 1.

Da domenica Abruzzo, Liguria, Toscana e la Provincia di Trento passano in zona arancione, mentre la Sicilia passa in zona gialla. In zona arancione – ma con misure ancora più restrittive – restano Umbria e Provincia di Bolzano.

Secondo il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, nell’arco di sei settimane la variante inglese del virus potrebbe sostituire quella attuale.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata