No a spostamenti tra regioni fino al 15/2, ma è consentito verso le seconde case, stop asporto bevande dopo le 18 per i bar

Il premier Giuseppe Conte ha firmato il nuovo Dpcm che delinea le nuove norme anti-Covid che entreranno in vigore sabato 16 gennaio fino al 5 marzo. Nel pomeriggio è attesa l’ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza sui colori delle regioni, in base ai nuovi dati sul monitoraggio dei contagi. Da quanto trapela passano in area rossa la provincia autonoma di Bolzano e le Regioni Lombardia e Sicilia. Passano in area arancione le Regioni Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Umbria e Valle D’Aosta. Restano in area arancione Calabria, Emilia-Romagna e Veneto.

-Divieto di spostamento tra le regioni fino al 15 febbraio 

-Possibile spostamento nelle seconde case, anche in affitto, purché si trovino nella stessa regione.

– No all’asporto da bar e ristoranti dopo le 18 nelle zone rosse e arancioni. La regola riguarda solo le bevande alcoliche ma non il cibo. 

– Visite a parenti e amici consentite una sola volta al giorno ad un massimo di due persone, nella regione se si è in giallo, nel comune se si è in zona arancione e rossa. Resta il coprifuoco dalle 5 alle 22. 

– Per le scuole superiori didattica in presenza da almeno il 50 fino al 75% , tranne in zona rossa

-Gli impianti da sci restano chiusi fino al 15 febbraio. 

-Palestre e piscine rimangono chiuse fino al 5 marzo.

-Chi arriva da un paese dell’Unione europea non dovrà sottoporsi a quarantena: basterà un tampone rapido effettuato 48 ore prima.

-Musei aperti nelle zone gialle solo nei giorni feriali 

-Istituzione della zona bianca con restrizioni limitate al distanziamento e alla mascherina ma i parametri sono molto stretti:  una regione dovrà prima far registrare tre settimane consecutive con un’incidenza di 50 casi ogni 100mila abitanti.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata