Il commissario conferma: "Da domattina la consegna di 470mila dosi nei siti di somministrazione"

 Le 470 mila settimanali dosi di vaccino arriveranno in Italia in serata. La Pfizer procederà direttamente alla consegna, a partire da domani mattina, nei siti di somministrazione individuati dal Commissario Domenico Arcuri in accordo con le Regioni. Lo comunica la struttura del Commissario chiarendo che “Pfizer ha appena comunicato agli Uffici del Commissario un diverso calendario per la consegna dei vaccini in Italia, previsti per questa settimana dal contratto sottoscritto con l’Unione Europea”. Le consegne previste per questa settimana proseguiranno fino al 31.

È “improbabile” che il vaccino contro il coronavirus sviluppato da AstraZeneca e dall’Università di Oxford venga raccomandato per l’approvazione dall’Agenzia europea per i medicinali (Ema) a gennaio. Lo ha detto il vicedirettore esecutivo dell’Agenzia, Noël Wathion, intervistato dal quotidiano belga Het Nieuwsblad. L’Ema, ha spiegato, non dispone di informazioni sufficienti sul vaccino, “al momento, AstraZeneca ha fornito solo dati sui propri studi clinici all’Agenzia europea per i medicinali”, e questi “non sono sufficienti” per concedere un’autorizzazione all’immissione in commercio condizionata. “Abbiamo bisogno di dati aggiuntivi sulla qualità del loro vaccino”, ha aggiunto Wathion. Inoltre, ha sottolineato, AstraZeneca deve ancora presentare una domanda formale, che è un’altra condizione necessaria per dare il via libera al vaccino.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata