Domani al via le prime somministrazioni nel vaccine day europeo

Dopo essere arrivato a Roma, nella Caserma di Tor di Quinto, nel tardo pomeriggio di ieri, il furgone con le prime 9.750 dosi del vaccino anti-Covid si è diretto stamattina all’ospedale Spallanzani di Roma dove – da domani – saranno effettuate le prime somministrazioni. Il ministro Di Maio su Facebook conferma: “Primi vaccini al personale medico, come promesso”.

Al reparto di Alto Biocontenimento dello Spallanzani sono destinate 955 dosi, mentre il resto dei vaccini sarà trasportato nelle altre Regioni da furgoni messi a disposizione dalla Pfizer, con la collaborazione dell’Arma dei carabinieri cui spetta il compito di scorta. Una parte dei lotti passerà dall’hub di Pratica di Mare da dove saranno raggiunte, grazie ai mezzi aerei della Difesa, la Sicilia e la Sardegna.

Nell’aeroporto militare sul litorale romano, tutto è pronto per l’avvio dei lavori: in una prima fase da Pratica di Mare partiranno solo alcuni lotti del vaccino, ma sarà la seconda fase quella di maggior attività per l’hub. Quando i punti di somministrazione diventeranno 1500, partirà la campagna vaccinale di massa, presumibilmente nel mese di febbraio, quello sarà il cuore logistico della distribuzione.

Da gennaio saranno 300 i luoghi di somministrazione del vaccino Pfizer, in gran parte ospedali, perché le caratteristiche del siero e le bassissime temperature di conservazione (-75 gradi) ne limitano la facilità di distribuzione.

La distribuzione di massa del vaccino arriverà con la seconda fase, quando da Pratica di Mare partiranno lotti di vaccino trasportati con il supporto delle forze armate, nei 1500 punti di somministrazione, cui si aggiungeranno una serie di unità mobili per arrivare a tutti coloro che non potranno raggiungere i punti vaccinali, come gli anziani e i malati che non posso lasciare le proprie abitazioni.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata