L'annuncio del premier Mark Rutte: "Questa non è un'influenza"

Il primo ministro olandese, Mark Rutte, ha annunciato che il Paese entrerà in lockdown a livello nazionale a causa dell’aumento dei casi di coronavirus. La stretta entrerà in vigore a partire dalla mezzanotte e durerà fino al 19 gennaio. Scuole, negozi non essenziali, musei e palestre rimarranno quindi chiusi. “L’Olanda per cinque settimane andrà in lockdown”, ha annunciato il premier in un discorso televisivo alla nazione. Durante la diretta, avvenuta dal suo ufficio a L’Aia, si sono sentiti i fischi da parte di un gruppo di manifestanti all’esterno. “La realtà è che questa non è un’influenza innocente come pensano alcune persone, come i dimostranti fuori – ha sottolineato il primo ministro – . Ma un virus che può colpire duramente tutti”.

Da martedì, tutti i negozi non essenziali chiuderanno fino al 19 gennaio insieme ad attività commerciali come parrucchieri, musei e teatri. Tutte le scuole e le università dovranno passare all’apprendimento a distanza da mercoledì. In attesa del discorso del premier, molte file di persone si sono materializzate nei centri delle città per l’ultimo shopping natalizio o gli ultimi ingressi nei musei e nei coffee shop. Bar e ristoranti sono chiusi da metà ottobre, sebbene molti abbiano offerto servizio da asporto. Il blocco parziale inizialmente ha rallentato gli alti tassi di infezione, ma negli ultimi giorni sono aumentati di nuovo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata