Terminato vertice col ministro Boccia. Bufera dopo tweet di Toti: "Tra i 25 decessi della Liguria, 22 erano pazienti molto anziani, non indispensabili allo sforzo produttivo del Paese"

Terminato il confronto tra Regioni e Governo sulle nuove disposizioni per contenere la pandemia di Covid. A quanto si apprende, al termine dell'incontro di oggi, il ministro per le politiche regionali Francesco Boccia ha riconvocato la riunione di coordinamento con Regioni, Anci, Upi e il ministro della Salure, Roberto Speranza a domani mattina alle 9.  Secondo quanto apprende LaPresse, nella riunione di coordinamento convocata stamattina c'è stato uno scambio di vedute in vista di un ulteriore vertice, domani mattina alle 9 e di un provvedimento del governo, tra la sera di lunedì e martedì.Le Regioni condividono l'idea di adottare misure a livello nazionale. Tra le ipotesi sul tavolo, si valutano restrizioni sulla mobilità tra Regioni, sulla chiusura dei centri commerciali nei weekend, sulla mobilità delle persone in termini di orario (un anticipo del coprifuoco).

Bufera sul tweet del governatore ligure Toti

Bufera su Twitter dopo il posta del governatore della Liguria Toti che ha parlato dei decessi in Liguria, 25, di cui 22 di pazienti anziani. "E per quanto ci addolori ogni singola vittima, non possiamo non tenere conto di questo dato: solo ieri tra i 25 decessi della Liguria, 22 erano pazienti molto anziani. Si tratta di persone che sono per fortuna per lo più in pensione, non sono indispensabili allo sforzo produttivo del Paese ma essendo più fragili vanno tutelate in ogni modo" ha scritto Toti, innescando una ridda di polemiche e risposte. Che hanno portato a una precisazione dello staff del governatore: "Il senso di questo tweet, che appartiene a un ragionamento più ampio, è stato frainteso. I nostri anziani sono i più colpiti dal virus, sono persone spesso in pensione che possono restare di più a casa e essere tutelate di più".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata