Il premier ne ha parlato a Bruno Vespa per il libro 'Perché l'Italia amò Mussolini (e come ha resistito alla dittatura del Covid)': "Ma per contenere l'epidemia si dovrà attendere la primavera"

Per il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, le prime dosi di vaccino potrebbero arrivare già all'inizio di dicembre: "Se le ultime fasi di preparazione (il cosiddetto 'rolling value') del vaccino Oxford-Irbm Pomezia-Astrazeneca) saranno completate nelle prossime settimane, le prime dosi saranno disponibili all'inizio di dicembre". Il premier ne ha parlato a Bruno Vespa per il libro 'Perché l'Italia amò Mussolini (e come ha resistito alla dittatura del Covid)', in uscita il 29 ottobre da Mondadori Rai Libri.
"Già all'inizio avremo i primi due o tre milioni di dosi – ha precisato Conte – Altri milioni ci arriveranno subito dopo. La Commissione europea ha commissionato ad Astrazeneca e ad altre società alcune centinaia di milioni di dosi. Penso che per contenere completamente la pandemia dovremo aspettare comunque la prossima primavera".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata