Sabato 18 Novembre 2017 - 15:30

Zimbabwe, manifestanti anti-Mugabe marciano verso residenza presidente

Il nipote: "Lui e la moglie Grace sono pronti a morire per ciò che è giusto e non hanno intenzione di dimettersi"

Proteste in Zimbabwe

Centinaia di manifestanti, in strada per cacciare il presidente dello Zimbabwe, Robert Mugabe, marciano verso la residenza ufficiale del presidente 93enne, ad Harare, nella capitale. Alcuni sono stati fermati dall'esercito. Lo slogan ufficiale della manifestazione è 'Mugabe must go' (Mugabe se ne deve andare): una mobilitazione appoggiata dall'esercito, che da giorni ha preso il controllo del Paese e sta orchestrando un 'golpe morbido' nei confronti di Mugabe, al potere dal 1980.

Nella mattinata, decine di migliaia di persone hanno invaso la capitale cantando, ballando e abbracciando i soldati in un'ondata di euforia per la caduta del governo di Mugabe dopo 37 anni. Alcuni cittadini l'hanno definita una seconda liberazione dopo il dominio britannico. Al momento Mugabe si trova agli arresti domiciliari nel suo sontuoso complesso 'Blue Roof' di Harare. La sua caduta ha messo in allarme un certo numero di leader africani, da Yoweri Museveni dell'Uganda a Joseph Kabila della Repubblica democratica del Congo, che stanno affrontando crescenti pressioni nei loro Paesi perché si facciano da parte.

Per alcuni africani, Mugabe resta un eroe nazionalista, l'ultimo leader dell'indipendenza del continente e un simbolo della lotta per eliminare l'eredità di decenni di dominio coloniale. Ma per molti altri in patria e all'estero viene considerato un dittatore felice di ricorrere alla violenza per mantenere il potere e per far funzionare un'economia, un tempo promettente.

Il nipote di Mugabe, Patrick Zhuwao, parlando a Reuters da una località segreta del Sudafrica, ha dichiarato che il presidente e la moglie Grace sono "pronti a morire per ciò che è giusto" e non hanno intenzione di dimettersi per legittimare quello che hanno definito un colpo di stato. 

Loading the player...
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Foto tratta dal profilo Twitter #SAVEAHMAD

L'accademico iraniano Djalali confessa: "Spionaggio per sabotare programma nucleare"

L'ammissione alla tv di Stato. Secondo la moglie, tuttavia, l'uomo, già condannato a morte, sarebbe stato costretto dai suoi interlocutori a leggere la confessione

Sventato attacco a San Pietroburgo grazie alla Cia. Putin ringrazia Trump

L'informazione fornita dall'agenzia ha permesso di arrestare alcuni terroristi, forse legati all'Isis, che preparavano attentati

Foto tratta dal profilo Twitter

Libano, diplomatica britannica strangolata dopo violenza sessuale

Il suo cadavere è stato trovato sul ciglio di una strada

Igor interrogato in Spagna: "Accetto processo in Italia"

Intanto, è caccia alla rete di complici che hanno concesso a Igor il russo di trasferirsi dall'Italia fino in Spagna