Sabato 10 Settembre 2016 - 19:45

Vuelta, Latour vince la 20esima tappa: Quinta trionfa

Domani passerella finale a Madrid

Vuelta, Latour vince la 20esima tappa: Quinta trionfa

 Il francese Latour si aggiudica la 20/a tappa della Vuelta di Spagna, la frazione con arrivo in salita sull'Alto de Aitana, ma è Nairo Quintana il vero vincitore della corsa spagnola in attesa della passerella di domani a Madrid. Il colombiano infatti è riuscito a resistere agli attacchi di Chris Froome difendendo la propria maglia rossa di leader della classifica generale dagli assalti del britannico, che deve accontentarsi del secondo gradino del podio. Terzo posto per un altro colombiano, Esteban Chaves, che scavalca in classifica generale Contador costretto ad accontentarsi della quarta piazza. L'Italia può sorridere con Fabio Felline, che grazie al terzo posto odierno conquista la maglia verde della classifica a punti in attesa dell'ultima tappa di domani con arrivo a Madrid.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Charlie Gard, i genitori: "E' troppo tardi, il trattamento e' inutile

Charlie, l'ultima battaglia dei genitori: Lasciatelo morire a casa

Hanno rinunciato alla possibilità di salvare il figlio dalla malattia incurabile di cui soffre, ma ora genitori di Charlie vogliono portare a casa il bambino

Charlie, Bambin Gesù: Fatto il possibile, ma siamo arrivati tardi

Charlie, Bambin Gesù: Fatto il possibile, ma siamo arrivati tardi

Intanto i genitori continuano a lottare per portare il bimbo a casa e lasciarlo morire nella sua culla

Libia, il generale Haftar caccia i terroristi da Bengasi

Libia, bozza accordo Serraj-Haftar: Cessate il fuoco ed elezioni

L'impegno del premier libico Fayez Serraj e il generale Khalifa Haftar a Parigi durante un incontro promosso dal presidente Macron

Donald Trump al  Summit Bechtel National Scout Reserve in West Virginia

Trump pronto al voto contro Obamacare: Tortura americani

Il tycoon battagliero in un tweet: Ho già la penna in mano