Martedì 16 Agosto 2016 - 12:00

Turchia, perquisizioni in 44 società e mandati arresto per 120 manager

Dal 15 luglio, giorno del fallito golpe, sono state fermate oltre 35mila persone

Turchia, perquisizioni in 44 società e mandati arresto per 120 manager

La polizia turca ha lanciato perquisizioni simultanee in 44 società a Istanbul, nei quartieri di Uskudar e Umraniye, e diramato mandati d'arresto per 120 manager nell'ambito delle indagini sul fallito colpo di Stato militare dello scorso 15 luglio. Lo riporta l'agenzia di stampa di Stato turca Anadolu, spiegando che le società sono accusate di avere fornito appoggio finanziario al movimento del religioso Fetullah Gulen, che si trova in autoesilio negli Stati Uniti ed è accusato dal governo turco di avere orchestrato il golpe. Gulen nega ogni coinvolgimento nel colpo di Stato.

Anadolu riferisce anche che, sempre nell'ambito delle indagini sul fallito golpe, la polizia ha perquisito alcuni uffici all'interno del principale tribunale nella parte asiatica di Istanbul, con mandati d'arresto per 83 persone. Dal 15 luglio oltre 35mila persone sono state fermate e per 17mila di loro è stato confermato l'arresto; decine di migliaia di altre persone sono state invece sospese dal servizio nelle purghe all'interno di esercito e sistemi di istruzione e giustizia.

Fonte Reuters - Traduzione LaPresse

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Olanda, accoltellamento a Maastricht: almeno due morti

Diverse persone ferite nella città al confine tra Belgio e Olanda. Non si sa se si tratta di terrorismo

Francia, treno travolge scuolabus vicino a Perpignan

Francia, scontro treno-scuolabus vicino Perpignan: morti quattro adolescenti

Il pullman che trasportava i ragazzini dal liceo di Millas spaccato a metà nell'impatto, come feriscono alcuni testimoni

Campagna di Russia

La ritirata di Russia 75 anni fa: 100mila soldati non tornarono

"Solo a piedi, sempre a piedi, con un freddo terribile", ricorda ancora oggi l'allora giovane sottotenente della divisione Ravenna Guido Placido

Putin e Erdogan in conferenza stampa a Ankara

Putin si presenta come candidato migliore: Opposizione destabilizzerebbe

Il presidente russo spera nel sostegno di più di un partito politico