Mercoledì 02 Marzo 2016 - 08:15

Roma, preso killer di Michelangelo Salpietro ucciso nel 2013

L'uomo, archivista, aveva mani e piedi legati. Si ipotizzò un gioco erotico finito male

Roma, preso killer di Michelangelo Salpietro ucciso nel 2013

La squadra mobile di Roma ha arrestato in Germania il killer di Michelangelo Salpietro, l'archivista di 59 anni trovato morto nella sua casa di via Portuense a Roma nel luglio del 2013 con mani e piedi legati. La vittima, potentina, era stata brutalmente massacrata e uccisa, ritrovata riversa a terra in un lago di sangue, i polsi legati e la testa fracassata.

Salpietro lavorava come archivista a piazza Barberini presso i Cavalieri del Lavoro. A dare l'allarme era stata la sorella che da due giorni non aveva più sue notizie. I vigili del fuoco erano entrati in casa passando da una finestra, la porta dell'appartamento era chiusa senza mandate e il cadavere era sul pavimento della camera da letto con mani e piedi legati, la stanza a soqquadro. Si ipotizzó un gioco erotico finito in tragedia.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Roma, albero cade su automobili in viale delle Milizie incrocio Lungotevere

Roma, albero si schianta su auto: ferito un tassista

Paura nel quartiere Prati. Ritardi alle corse sulla Roma-Lido a causa di un altro crollo

Anziano restituisce borsa con 2mila euro: "Ho fatto una cosa normale"

"Quando ho visto tutti quei soldi, mi sono spaventato", racconta il 72enne

Villa Borghese, dove si suppone sia stata stuprata una donna tedesca

Roma, arrestato stupratore di villa Borghese: violentò clochard tedesca

Pochi giorni dopo aveva violentato, picchiato e legato anche un'altra donna

Marcia per la sicurezza organizzata da Forna Nuova a Tiburtino III

Forza Nuova rinuncia alla marcia su Roma del 28 ottobre

La manifestazione era stata vietata dalla questura