Mercoledì 12 Ottobre 2016 - 11:15

Renzi ironizza: Brunetta ci è rimasto male perché non ha preso Nobel

Secondo il capogruppo di Fi la "Commissione istruttoria proposta da Renzi è ridicola"

Renzi ironizza: Brunetta ci è rimasto male perché non ha preso Nobel

 "Brunetta questa mattina ci è rimasto male perché anche questa volta non ha preso il Nobel". Così, ironizzando nei confronti di Renato Brunetta, Matteo Renzi nella replica alla Camera dopo le comunicazioni prima del Consiglio europeo.

Precedentemente il capogruppo di Fi Brunetta aveva detto: "Cosa le sta succedendo signor Presidente del Consiglio? Lei ha parlato oltre mezz'ora questa mattina sul nulla. Si è accorto solo ora che questa Europa non ha ambizioni. Ha citato il vertice informale di Bratislava, il cui documento finale però anche lei ha approvato, è stato approvato all'unanimità, salvo poi inscenare quella ridicola piccola farsa sulla conferenza stampa, farsa su cui poi è stato ridicolizzato". "Davanti alla spaccatura tremenda di un progetto e del Pd di fronte al referendum, Renzi propone una Commissione istruttoria per riformare l'Italicum. Ridicolo".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Paolo Gentiloni al comizio PD con Giorgio Gori

Gentiloni: "Italia avanti solo con governo Pd. Gori per Lombardia aperta"

Il premier a Milano: "È l'unico pilastro per questa seconda stagione di riforme"

Silvio Berlusconi ospite a "In Mezz'Ora"

Elezioni, esperti di comunicazione: "Berlusconi il top, Renzi né carne né pesce"

Cacciari, Bentivegna, Castelvecchi analizzano i leader politici. "Di Maio? È bravo ma impostato. Grasso capacità comunicativa zero"

Napoli, in un video infiltrato consegna 'mazzetta'. Di Maio: "Sembra Gomorra"

L'inchiesta di Fanpage su appalti per lo smaltimento rifiuti in Campania. Si dimette Iacolare, il presidente della Sma, la società regionale per l'ambiente

Elezioni, incontro Corbyn-Grasso. Mariotti: "Lezione Labour per parlare a giovani"

Il leader di Leu a Londra dal capo del partito laburista britannico. Intervista alla candidata alla Camera nella circoscrizione estera