Martedì 02 Agosto 2016 - 16:45

Renzi: Giudici italiani rispondono a Costituzione, non a Erdogan

"In Italia c'è una magistratura autonoma e indipendente" e "ne siamo orgogliosi"

Renzi: Giudici italiani rispondono a Costituzione, non a Erdogan

"In questo Paese i giudici rispondono alle leggi e alla Costituzione italiana, non al presidente turco. Si chiama 'stato di diritto'". Il premier Matteo Renzi su Twitter risponde così alle accuse di Recep Tayyip Erdogan, in riferimento alla vicenda del figlio Bilal sotto la lente degli inquirenti italiani per riciclaggio. 

"In Italia c'è una magistratura autonoma e indipendente che agisce secondo le leggi e e che combatte tutte le forme di illegalità", aggiunge, riferiscono fonti di palazzo Chigi, sottolineando che "ne siamo orgogliosi".

Sulla stessa linea del premier anche la Farnesina. "A proposito delle dichiarazioni del presidente Erdogan, la Farnesina sottolinea come in Italia sia in vigore lo stato di diritto e il pieno rispetto dell'autonomia della magistratura"."Magistratura che, insieme alle forze dell'ordine, è impegnata con successo nel contrasto alla mafia e non ha certo bisogno per farlo dell'incoraggiamento da parte di alcuno". Quanto ai rapporti tra Europa e Turchia, "la Farnesina ribadisce la ferma condanna del tentativo di colpo di stato del 15 luglio e conferma la preoccupazione comune all'intera Europa per gli accadimenti in corso".

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Rimini, congresso fondativo di "Sinistra Italiana"

Leu, Civati: "Foglioline? Noi siamo femministi nella sostanza"

Al nuovo partito potrebbe unirsi anche Laura Boldrini

Assemblea nazionale "C'è una nuova proposta"

Grasso: "Comandato da D'Alema? Sarò io a guidare Liberi e Uguali"

Il presidente del Senato risponde a Matteo Renzi che lo ha paragonato a Fini

PD - Sit in del Partito democratico sotto la sede dell?Agcom

Fatturazione ogni 4 settimane: stop per legge, ma le Telco vanno avanti

AgCom e Parlamento sono intervenuti, ma le compagnie telefoniche continuano a proporli. Per i consumatori un danno da un miliardo all'anno