Mercoledì 02 Novembre 2016 - 14:00

Referendum, Renzi: Ipotesi di rinvio non esiste, è surreale

"Il mio destino personale vale molto meno della riforma costituzionale"

Referendum, Renzi: Ipotesi di rinvio non esiste, è surreale

"L'ipotesi del rinvio al referendum non esiste, punto. Il ministro Alfano l'ha messa in tono dubitativo. Non perdiamo tempo. Trovo che questo dibattito sia surreale". Così il presidente del Consiglio Matteo Renzi a Radio24. "Il referendum - ha aggiunto - sarà il 4 dicembre".

E ha aggiunto: "Se vincono i No l'Italia perde un'occasione, se vincono i Sì entra nel futuro. Del mio futuro non parlo altrimenti poi dicono che personalizzo. Il mio destino personale vale molto meno della riforma costituzionale".

I sondaggi danno il 'No' in vantaggio? "Nel giro di un mese - ha sottolineato il premier- quante volte è cambiato il clima dei sondaggisti" nella campagna americana tra Hillary Clinton e Donald Trump" "Ormai decidono i cittadini, non i sondaggisti". Chi deve governare "lo decidono le elezioni, non il referendum". 
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Centrodestra, firmato programma Cav-Salvini-Meloni ma è scontro con Fitto

E nell'ipotetico governo Berlusconi, Matteo Salvini potrebbe essere scelto come ministro dell'Interno

Silvio Berlusconi ospite a "Quinta Colonna"

Berlusconi e la gara di pipì con Confalonieri: "Sulle scarpe? Hai vinto tu"

L'ex Cav racconta un aneddoto capitato durante una festa coi vecchi compagni di scuola

Paolo Gentiloni all'inaugurazione dell'anno accademico della Luiss

Gentiloni: "Non è tempo delle cicale. Nessun rischio instabilità"

Il premier all'inaugurazione dell'anno accademico della Luiss di Roma: "L'Italia è il Paese più coerente in Ue nonostante cambi governo"

Matteo Salvini annuncia l'ingresso di Giulia Bongiorno nella Lega

Salvini 'ingaggia' Giulia Bongiorno: "Sarà capolista della Lega"

L'avvocatessa: "Ho portato avanti delle battaglie stando nel mio studio, ma è in Parlamento che le cose si fanno"