Giovedì 14 Aprile 2016 - 16:00

Putin: Obama ha ammesso errori in Libia, è un uomo perbene

"Riconoscere i propri errori non è facile, questo dimostra che l'attuale presidente degli Stati Uniti è un uomo perbene"

Il presidente russo Putin

Il presidente Usa Barack Obama è un uomo perbene per aver riconosciuto i suoi errori nell'intervento militare in Libia. Lo ha dichiarato il leader russo Vladimir Putin, durante la quattordicesima 'linea diretta' con il Paese, trasmessa in tempo reale dalla tv di Stato, in cui il presidente risponde alle domande dei cittadini. "In primo luogo, riconoscere i propri errori non è facile - ha spiegato Putin che ha sempre avuto un rapporto teso con Obama - Questo dimostra ancora una volta che l'attuale presidente degli Stati Uniti è un uomo perbene". "Quando era senatore Obama ha criticato le azioni dell'allora amministrazione usa in Iraq. Purtroppo, come presidente ha commesso gli stessi errori in Libia - ha aggiunto il presidente russo - Ormai è successo e va bene che il mio collega abbi avuto il coraggio di una simile affermazione".

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Brexit

Brexit, sì del Parlamento Ue all'accordo Londra-Bruxelles

Per Strasburgo l'uscita della Gran Bretagna è "legittima" e l'intesa è sufficiente per aprire la fase due dei negoziati

Un altro successo per Ariane 5. Lanciati nello spazio 4 satelliti Galileo

Sesta missione positiva nel 2017. I satelliti collocati perfettamente. Soddisfazione Avio (che produce i motori a propulsione solida): "Siamo player di riferimento per i lanciatori. Va avanti lo sviluppo del nuovo Vega C"

Members of Palestinian Hamas security forces survey the scene of an explosion in the northern Gaza Strip

Vertice dei Paesi Islamici: "Gerusalemme Est sia capitale della Palestina"

Il summit a Instabul. Israele bombarda postazioni Hamas a Gaza

Republican candidate for U.S. Senate Judge Roy Moore speaks during a campaign rally in Midland City

Alabama, vince Jones: sconfitto Moore, il candidato di Trump

Il repubblicano era uan figura contestata per le accuse di aver molestato delle adolescenti quando aveva 30 anni