Lunedì 16 Aprile 2018 - 07:15

Playoff Nba. LeBron non basta, disastro Cavs in casa coi Pacers

Prima grande sorpresa. Vincono i Rockets (di poco sui Timberwolves), i Boston Celtic sui Bucks e i Thunder di Oklahoma City che battono i Jazz

Prima grossa sorpresa nei playoff Nba. I Cavaliers di Lebron James perdono rovinosamente in casa con gli Indiana Pacers (98-80) e lo stesso LeBron (24 punti, 10 rimbalzi e 14 assist) non è sufficiente per salvare i Cavs da una sconfitta tanto netta quanto senza scusanti. L'altro "grande", invece, il barbuto James Harden tira fuori una partita delle sue e, con 44 punti, 4 timbalzi e 8 assist conduce i Houston Rockets fuori dalla palude con una risicata vittoria (104-101) contro i Minnesota Timberwolves.

A Houston la gara è sempre in bilico. A metà tempo, i Rockets conducono 54-47 ma nella ripresa i Minnesota si avvicinano e il finale è abbastanza complicato con i Timberwolves che arrivano a meno 3  con 14 secondi da giocare, recuperano la palla quando ne mancano 8 (errore di Chris Paul), hanno comunque un tiro per il pareggio e lo sbagliano con Butler. Nel terzo quarto, Harden deve infilare una striscia di 12 punti per tenere a bada gli avversari. Lo aiuta Clin Capela (24 punti) e, un po' meno, lo stesso Paul (14). La squadra tira poco sotto il 50% (39 su 83) ma non riesce mai a infilare il break definitivo. Nei Minnesota ci sono 5 giocatori in doppia cifra: Butler (13), Wiggins (18), Teague (15), Crawford (15) e Rose (16). Si rigioca mercoledì, sempre a Houston.

A Cleveland i Pacers dominano fin dall'inizio con un incredibile primo quarto (33-14) con 11 punti di Oladipo (32 alla fine) e una prova di squadra a dir poco perfetta. Nel secondo quarto, i Cavs recuperano appena due punti. All'intervallo Pacers avanti 55-38. Nel terzo quarto i Cavs recuperano fino a 65-73 ma crollano di nuovo nel finale. Oltre a Oladipo, i Pacers mettono in mostra Bogdanovic (15 punti), Turner (16) e Lance Stephenson che ne segna 12 in 17 minuti sul campo. Tra i Cavs, oltre a LeBron arrivano contributi da Larry Nance jr (10 punti) e Jr Smith (15), due panchinari. Male Kevin Love (9 punti) e Jeff Green che tira con un orribile 0 su 7 e non mette neanche un punto a referto. Anche qui si rigioca mercoledì sempre a Cleveland.

I Boston Celtic faticano un  po' più del previsto con i Milwaukee Bucks. Finisce 113-107 con i Bucks avanti a metà gara (47-44). Per i Bucks grande partita di Giannis Antetokounmpo (35 punti, 13 rimbalzi e 7 assist) e di Khris Middleton (31 punti). Come sempre, Boston ci mette una grande prova di squadra: Jaylen Brown (20 punti), Al Harford (24), Terry Rozier (23), Marcus Morris (21) e Aaron Baynes (14). I Celtic non tirano benissimo (39 su 94) ma la loro superiorità viene fuori anche in una serata difficile come questa. La serie riparte martedì sempre a Bost

Anche gli Utah Jazz si comportano bene a Oklahoma City restando attaccati alla partita quasi fino alla fine. Ma i Thunder passano (116-108) e mettono da parte la prima vittoria nella serie. Per Utah ci sono i 27 punti di Donovan Mitchell. Altri sei giocatori (Gobert, Ingles, Rubio, Crowder, Exum e Burks) raggiungono la doppia cifra. Per i Thunder, grande partita di Paul George (36 punti) e di Russell Westbrook (29 punti, 13 rimbalzi e 8 assist). A metà gara i Thunder avanti 54-48. Nel secondo tempo incrementano il distacco di soli 3 punti, ma la vittoria non è mai in discussione. Si rigioca mercoledì ancora a Oklahoma City

 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Nba, Lakers scatenati: preso Rondo. Cousins a Golden State

Nuovo acquisto dopo lo storico accordo con LeBron James per un quadriennale da 154 milioni di dollari

LeBron James a passeggio con la famiglia

Nba, LeBron James ai Lakers. Un affare da 154 milioni di dollari

Ha firmato un contratto quadriennale. È considerato il miglior giocatore del mondo. Va nella squadra più mitica della lega. Belinelli torna agli Spurs

Nba, Durant fa piccoli i Cavaliers. Golden State va 3-0

Nella notte, a Cleveland, passano i Warriors (110-102) nonostante la pessima serata di Curry. Non bastano i 33 punti di LeBron James