Venerdì 18 Marzo 2016 - 18:30

Pellegrini: Doping? Tolleranza zero, Efimova va radiata

La campionessa azzurra del nuoto commenta così il caso doping che ha riguardato la ranista russa

Pellegrini: Doping? Tolleranza zero, Efimova va radiata

"Tolleranza zero. Oltretutto è la seconda volta che viene presa. Ormai non ci sorprendiamo più di niente, perché a volte vengono presi ma dopo tre mesi te li trovi in vasca a gareggiare. Vedremo che cosa succederà". La campionessa azzurra del nuoto, Federica Pellegrini, a margine del Trofeo Città di Milano, commenta così il caso doping che ha riguardato la ranista russa Yulia Efimova, fermata per positività al meldonium. "Radiazione? Per la seconda volta di fila nel giro di un anno e mezzo sì, ragazzi", ha aggiunto la nuotatrice di Spinea.

"A quanto ho letto, è il centesimo atleta in Russia - ha detto ancora Pellegrini - trovato dopato quest'anno. Forse nel loro sistema c'è qualcosa che non è proprio pulitissima. Come viviamo la situazione? Da parte nostra, la viviamo malissimo, perché hai il dubbio che sia più esteso questo scandalo. Quindi, ti ritrovi magari a gareggiare con delle persone che sai anche visivamente che non sono pulite. Non è facile per noi, soprattutto per uno sport come il nuoto dove il 99% è allenamento e poi hai una gara importante all'anno", ha concluso la fidanzata di Filippo Magnini.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Campionati Europei Len di nuoto

Nuoto, l'anno super di Miressi dopo l'oro: "Ora compro un drone e vorrei incontrare CR7"

Il nuotatore è stato consacrato a Glasgow: da promessa a stella nascente, il suo futuro ancora tutto da scrivere

Europei, Tuffi: Elena Bertocchi e Chiara Pellacani oro nel 3m sincro

Europei di tuffi: Bertocchi-Pellacani oro nel sincro da tre metri

Le azzurre hanno chiuso con il punteggio di 289.26

Campionato Italiano Assoluto Indoor - Tuffi donne 3m

Tuffi, bronzo per Elena Bertocchi nel trampolino da un metro

Ottima prova dell'azzurra battuta solo dalle due russe Polyakova e Bazina