Domenica 05 Novembre 2017 - 09:45

Nord Corea minaccia Trump: "Per gli Usa punizione spietata"

Pyongyang reagisce dopo i commenti "stupidi e insensati" fatti dal presidente americano in Giappone

Dopo le 'minacce' di Donald Trump, che dal Giappone ha dato il via al suo tour asiatico, arriva a stretto giro la risposta della Corea del Nord che ha avvertito che imporrà "punizioni spietate" negli Stati Uniti per gli "stupidi commenti" del presidente. "Se gli Stati Uniti sottovaluteranno la forte determinazione della DPRK (La Repubblica Popolare Democratica di Corea, il nome ufficiale del paese), saremo costretti a infliggere una punizione spietata con la mobilitazione di tutte le nostre forze", si legge nell'agenzia statale Kcna. Poi ancora un avvertimento alla Casa Bianca: "Se volete evitare la rovina, astenetevi dal fare commenti insensati".

"Nessun regime e nessun dittatore dovrebbero sottovalutare la determinazione degli Stati Uniti", ha detto Trump, rivolgendosi alle truppe Usa che operano nella base di Yokota (a ovest di Tokyo). Trump si trova infatti in Giappone, prima tappa del suo tour asiatico.

Anche se non ha menzionato direttamente la Corea del Nord, Trump ha avvertito che "nessun Paese può imporsi sulle capacità militari statunitensi" e ha osservato che le truppe statunitensi non sono state capaci di imporsi sulle capacità militari statunitensi. 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Portavoce Ue: "Blecua? Accuse infondate, selezionato in base a procedure"

I media internazionali sollevano dubbi sulla provenienza dei fondi usati dal capo della delegazione Ue in iraq per l'acquisto di una lussuosa residenza storica nel centro di Bruxelles

THAILAND-ACCIDENT-WEATHER-CHILDREN-CAVE

Thailandia, dimessi i 12 ragazzi. E per la prima volta raccontano: "È stato un miracolo"

I 'cinghialotti' hanno parlato per la prima volta con la stampa, prima di tornare a casa

TOPSHOT-SPAIN-MIGRANTS-EU-PROACTIVA-OPEN-ARMS

Migranti, naufragio al largo di Cipro: 19 morti, 30 dispersi

A bordo viaggiavano circa 150 persone e oltre 100 sono state salvate

Migranti, nave con 40 profughi a bordo bloccata al largo Tunisia | Video

Né la Tunisia, né l'Italia, né Malta accettano di aprire i loro porti ai profughi