Sabato 04 Giugno 2016 - 12:30

Muhammad Ali, il pugile politico ispirato da Luther King e Mandela

Un rivoluzionario, fuori dagli schemi, fortemente impegnato nella lotta per i diritti dei neri negli Stati Uniti

Muhammad Ali e Martin Luther King

C'è una foto emblematica di Muhammad Ali, emblematica perché lo e ci riguarda: quando abbraccia Sandro Pertini, il Presidente della Repubblica, nel ricordo del successo ottenuto a Roma, alle Olimpiadi del 1960. Proprio da lì, dalla Capitale, è cominciata infatti la traiettoria professionale e umana del pugile più forte di tutte le epoche, un pezzo di storia del Ventesimo secolo, un'icona sportiva e non sportiva.

Muhammad Ali, ovvero Cassius Clay prima della conversione alla religione mussulmana, figlio di un pittore di insegne e di una donna di religione cristiana battista, picchiatore spietato e misericordioso predicatore, ha attraversato l'esistenza a suon di pugni e di parole, di botte e di slogan. Non è mai stato un uomo banale, Ali. E' stato semmai un rivoluzionario, fuori dagli schemi, fortemente impegnato nella lotta per i diritti dei neri negli Stati Uniti. In tal senso ha assunto una valenza importantissima l'incontro con Martin Luther King e l'adesione alla Nation of Islam. Il campione di boxe e il rappresentante più credibile dei diritti civili si incontrarono durante una manifestazione nella città natale di Muhammad Ali, Louisville, in Kentucky. Famosa e' diventata la frase che Ali rivolse a King: "Sono al tuo fianco nella tua lotta per la libertà, la giustizia e l'uguaglianza. Non posso stare zitto mentre la mia gente, quelli con cui sono cresciuto, i miei familiari, vengono picchiati, calpestati e presi a calci nelle strade solo perché vogliono libertà, giustizia ed uguaglianza". Nasce una relazione forte, consolidata dalla presa di posizione di Ali contro la guerra in Vietnam: e' il 1967 e la vita del pugile di Louisville non è fatta solo di pugni ma anche di carezze.

Un altro incontro decisivo e' stato quello con Malcom X, nel 1962 a Detroit. Malcom X, leader della Nazione dell'Islam, diventerà un amico e un punto di riferimento. Come lo e' stato Nelson Mandela, leader dell'Anc e successivamente presidente del Sud Africa. Quando Madiba morì, nel 2013, Ali gli dedicò un lungo discorso: "Mandela. Un nome. Un uomo. Una missione: salvare una nazione da se stessa. Pochi uomini nella storia dell'umanità hanno avuto un maggiore impatto su una nazione e sono stati fonti di ispirazione per il mondo intero".

Nel 2005 George Bush premiò Ali come eroe della libertà e proprio Ali qualche anno prima aveva incontrato Saddam Hussein a Bagdad per evitare che Usa e Iraq entrassero in guerra. Ultimo atto politico del pugile-politico fu una presa di posizione nell'inverno scorso contro Donald Trump: "Guai a chi usa l'Islam per portare avanti i propri scopi personali".

Scritto da 
  • Vittorio Oreggia
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Rafael Nadal vs Alexander Zverev - Finale Tennis Internazionali BNL d'Italia 2018

Tennis, Nadal trionfa a Roma per l'ottava volta. Zverev: "Sei il più grande sulla terra"

Nadal non si imponeva al Foro Italico dal 2013 e da domani sarà nuovamente numero uno delle classifiche mondiali

Giro d'Italia 2018, tappa 15 da Tolmezzo a Sappada

Giro d'Italia, Yates trionfa in solitaria a Sappada. Froome staccato

Ottima prova di Pozzovivo quarto al traguardo e terzo in classifica. Crolla Fabio Aru

Giro d'Italia 2018, tappa 14 da San Vito al Tagliamento al Monte Zoncolan

Giro d'Italia, Froome trionfa sullo Zoncolan, Yates sempre in rosa

L’inglese scatta a 4km dall’arrivo e stacca tutti. Terzo un fantastico Dimenico Pozzovivi, quarto Lopez

Thierry Neuville, le chiavi del successo nel rally

Ecco il segreto del ventinenne pilota della Hyundai che in questa stagione è alla caccia del suo primo titolo mondiale del WRC