Venerdì 13 Gennaio 2017 - 11:30

Le autorità francesi indagano su emissioni delle vetture Renault

La rivelazioni da fonte investigative dopo il caso che ieri ha visto protagonista Fca

Le autorità francesi indagano su emissioni delle vetture Renault

Dopo le accuse mosse ieri dagli Usa a Fca, oggi fonte investigative hanno rivelato che le autorità francesi starebbero indagando sul gruppo automobilistico francese Renault. L'indagine riguarderebbe le emissioni prodotte dalle vetture.  Stando a quanto rivelato dalle fonti giudiziarie, da ieri sarebbero 3 giudici al lavoro su Renault. Il titolo del gruppo francese, perde oltre il 4% alla Borsa di Parigi, a minimi da un mese.

L'AZIENDA: OMOLOGATE REGOLARMENTE.  Renault riconosce, senza essere stato in grado di ottenere la conferma ufficiale di ciò in questa fase, l'apertura di indagini giudiziarie. "Questo nuovo sviluppo nella procedura suggerirebbe che il pubblico ministero voglia continuare le indagini" si legge in una nota del gruppo frnacese. A questo proposito, Renault, che intende tutelare i propri diritti, ricorda la sua posizione. Ovvero che rispetta le normative francesi ed europee, e che tutti i suoi veicoli sono stati omologati in conformità alle leggi e ai regolamenti, e che non sono dotati di un software per barare sui sistemi anti-inquinamento. Inoltre Renault conferma la sua opinione circa la necessità di dover rafforzare i regolamenti, questo 'è l'obiettivo della futura norma Euro6d. Renault poi ricorda che nel marzo 2016 è stata presentata al panel della commissione tecnica indipendente un piano di riduzione delle emissioni, ritenuto trasparente, credibile e soddisfacente per quanto riguarda l'ossido di azoto (NOx).

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Brexit

Brexit, allarme Ue sul negoziato: "Prepariamoci a ogni eventualità"

È l'avvertimento lanciato dalla Commissione Ue agli Stati membri

Amesbury incident

Spia russa, identificati i responsabili dell'attacco a Skripal

Sarebbero i presunti colpevoli dell'attacco con l'agente nervino Novichok individuati "attraverso le telecamere di sorveglianza"

Montecitorio, fiaccolata in memoria di Giulio Regeni a due anni dalla sua morte

Regeni, Salvini vola da Al-Sisi: "Giustizia rapida per Giulio"

Il ministro dell'Interno in Egitto: "Il presidente ha assicurato che sarà fatta chiarezza"