Mercoledì 27 Luglio 2016 - 12:45

Higuain: Juve grande club, speriamo di fare cose grandissime

Le prime parole del Pipita da bianconero

Juventus, l'arrivo di Gonzalo Higuain al'Aeroporto di Torino

"E' una sensazione bellissima, sono felice di essere alla Juve. Speriamo di fare una grande annata: abbiamo la squadra per farlo, una grande società e speriamo di dare grandi soddisfazioni ai tifosi". Così Gonzalo Higuain nella sua prima intervista da giocatore della Juventus ai microfoni di Sky Sport. "La Champions? Ora l'importante è lavorare, stare calmi e arrivare alla prima giornata di campionato al meglio", ha aggiunto il bomber argentino prelevato dal Napoli per 90 milioni di euro.

Higuain troverà a Torino l'amico e compagno di Nazionale Paulo Dybala, che ieri dall'Australia gli ha mandato un saluto via social. "Con Dybala sono amico dalla Nazionale e sono felice di poter giocare con lui. Mi ha detto che mi troverò benissimo, che la Juve è una grande famiglia, una grande squadra e mi troverò benissimo", ha detto il Pipita. Infine un saluto ai suoi nuovi tifosi che in massa lo hanno accolto prima in aeroporto e poi al J Medical. "Saluto i tifosi e speriamo di fare delle cose grandissime", ha concluso Higuain.

 

LEGGI ANCHE Il racconto dell'HiguainDay: il Pipita indosserà la maglia n.9

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Alla festa degli juventini spunta la bara di Insigne. Napoli: "Gesto grave"

Lo screenshot preso da un live di Douglas Costa: è polemica

Juventus vs Hellas Verona

Juve supera il Verona 2-1 tra festa scudetto e commozione addio Buffon

Tra lacrime e applausi, tra commozione e gioia, ora la festa bianconera può iniziare davvero

Juventus vs Hellas Verona, Buffon esce dal campo tra standing ovation e lacrime dello Stadium

Juve, gioia e lacrime per la festa scudetto e l'addio di Buffon

Applausi e lacrime, standing ovation, solo ed esclusivamente cuori, nessun bidone dell'immondizia

Roma - Juventus

Buffon, addio in perfetto stile Juve senza melodrammi e un tarlo

Diciassette anni con la medesima maglia sono (quasi) un record. Il futuro? Dietro una scrivania, in Federcalcio oppure ancora in gioco, ma all'estero