Mercoledì 18 Aprile 2018 - 18:45

Cuba, Diaz-Canel unico candidato per successione a Raul Castro

Candidato a succedere al presidente uscente Raul Castro. Civile di 57 anni, non ha vissuto la rivoluzione del 1959

Cuba, Presidente cubano Raul Castro durante l'assemblea Nazinale

Miguel Diaz-Canel, primo vice presidente e numero due del governo cubano, è stato designato unico candidato a succedere al presidente uscente di Cuba Raul Castro. È quanto ha annunciato la Commissione nazionale di candidatura, davanti all'Assemblea nazionale. La nomina di Diaz-Canel alla presidenza del Consiglio di Stato dovrà essere confermata giovedì mattina dopo il voto dei deputati.

Miguel Diaz-Canel, civile di 57 anni, non ha vissuto la rivoluzione del 1959: per la prima volta da decenni, dunque, il presidente non si chiamerà Castro, non farà parte della generazione storica del 1959, non porterà l'uniforme militare e non sarà il primo segretario del Partito comunista cubano. 

Diaz-Canel, dopo avere risalito in modo discreto le scale del potere, è stato incoronato braccio destro del presidente nel 2013 fra la sorpresa generale, diventando di fatto il delfino naturale di Castro. Raul Castro accompagnerà però il suo successore mantenendo le redini del potente Partito comunista cubano (Pcc). Il presidente uscente, infatti, lascerà la guida del partito unico soltanto al prossimo congresso, che è in programma per il 2021, quando lui avrà 90 anni. 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Coree, incontro a sorpresa Kim-Moon. Summit con Trump ancora possibile

Si sono riuniti per la seconda volta (la prima era stata il mese scorso) a Panmunjom, villaggio che si trova nella zona demilitarizzata nota come Dmz

Libia, Fayez al-Sarraj parla con i giornalisti a Tripoli

Libia, le milizie: "Abbiamo preso i palazzi del potere a Tripoli"

Gli attivisti sui social riferiscono si tratti delle brigate Halbous, dei rivoluzionari e Ghaniwa. Ma il governo smentisce

Irlanda, domani il paese alle urne per il referendum sull'aborto

Storica svolta in Irlanda: sì al referendum sull'aborto

Il 66,4% degli elettori ha votato a favore dell'abrogazione del divieto costituzionale dell'interruzione volontaria di gravidanza. L'affluenza si è attestata al 64,1%

Forum economico internazionale di San Pietroburgo

Macron tende la mano a Conte: "Mai date lezioni agli italiani"

Il presidente francese dice la sua sul nuovo governo