Lunedì 04 Aprile 2016 - 13:15

Camorra, arrestato a Roma boss narcotraffico Sparapano

Gli agenti l'hanno trovato nascosto dietro un cespuglio di rovi nel giardino della sua villa a Nettuno

Camorra, arrestato a Roma boss narcotraffico Sparapano

L'hanno trovato nascosto dietro un cespuglio di rovi, nel giardino della sua villa a Nettuno, vicino a Roma. Così è stato arrestato dagli agenti squadra mobile Bernardo Sparapano, 55enne romano, ricercato da più di tre anni dopo una condanna in via definitiva a otto anni e sei mesi di carcere per associazione a delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti. Nel corso delle indagini, nel 1997, era stato sequestrato un grande quantitativo di droga trasportato a bordo di una nave fermata in Sardegna: secondo l'accusa Sparapano era responsabile insieme ad altri soggetti di un traffico di hashish con ramificazioni tra Italia, Marocco e Spagna. La droga arrivava in Italia dall'Africa: nei pressi di Cagliari vennero sequestrati nel 1997 3.750 chili di hashish rinvenuti su una imbarcazione; mentre in un'altra occasione, su di un altro mezzo, la polizia trovò 2.073 chili di droga.

Secondo gli inquirenti a capo del gruppo, oltre a Sparapano, c'era Raffaele Amato, killer di spicco del clan camorrista dei Di Lauro, nonché capo assoluto di un gruppo criminale che ha imposto il suo predominio nei quartieri di Secondigliano, Scampia e Napoli con ramificazioni in Italia e all'estero.
Dal 1991 al 1993 uno scontro violentissimo ha opposto le famiglie dei Di Lauro e dei Di Girolamo a quella dei Ruocco per il controllo dei commerci illegali a Mugnano, Melito, Casavatore, Arzano e nei quartieri di Secondigliano e Scampia. Oltre venti i morti e molti i feriti in questa guerra di camorra che si è combattuta anche con incendi, sequestri di persona e con l'omicidio di parenti estranei ai clan.

Con l'arresto di Amato, avvenuto il 17 maggio 2009 a Marbella,  in Spagna, si è chiusa l'indagine sulla faida che, per due anni, ha insanguinato le strade del capoluogo partenopeo. La storia criminale di Bernardo Sparapano è ben nota alla cronaca romana, anche perché legata alla cosiddetta Banda della Marranella, dedita al traffico internazionale di sostanza stupefacente ed al successivo smistamento in territorio laziale e campano.  La sua escalation criminale coincide con l'incontro ed il consolidamento dei rapporti con soggetti che fanno capo alla camorra napoletana, il cui vertice in Roma era rappresentato dal defunto Gennaro Senese, e dai fratelli Calogero, Giuseppe e Francesco Carlino.

Le odierne attività di indagine, condotte dalla squadra catturandi della prima sezione della squadra mobile romana, protrattesi da gennaio 2016 e supportate anche da presidi tecnologici, hanno consentito di acquisire elementi utili a ritenere che l'uomo, latitante dal 2013, si nascondesse all'interno della propria villa, via Piscina Tre Cancelli a Nettuno.
Le ricerche nella villa, durate circa sei ore, hanno permesso di scoprire cinque covi ricavati nella casa e occultati dietro i mobili. Sparapano, vistosi accerchiato, si era nascosto nel terreno antistante la villa, dentro le mura di cinta, dietro alcuni rovi, dove è stato trovato dalle unità cinofile.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Roma - Processione della Madonna Fiumarola sul Tevere

Roma, apre 'Tìberis': sul Lungotevere spiaggia, lettini e beach volley

La spiaggia è a ingresso libero e sarà aperta tutti i giorni dalle 8 alle 20

"Ucciso Kaos, il cane-eroe di Amatrice". Salvò le persone dalle macerie: la rabbia sui social

Il pastore tedesco trovato senza vita nel giardino di casa dal suo istruttore Fabiano Ettore che sospetta un avvelenamento. "Mi ha tolto la cosa più preziosa"

Camping river, Sospeso lo sgombero

Roma, via libera allo sgombero di Camping River. Raggi: "Ora legalità"

Ok all'operazione nonostante il 'no' della Corte europea

Operazione 'Gramigna' dei Carabinieri.Scacco al clan Casamonica

Roma, sanità: truffa da 1,3 mln con buoni gluten free falsi

Tra gli arrestati Giuliano Castellino, leader romano del movimento di estrema destra Forza nuova