Domenica 05 Giugno 2016 - 10:30

Berlusconi al seggio: Raggi o Giachetti? Romani senza coscienza

Il leader di Forza Italia prima di entrare a votare a Roma

Silvio Berlusconi chiude la campagna elettorale di Alfio Marchini

Silvio Berlusconi, è arrivato nel seggio del Liceo Classico Visconti, in Piazza del Collegio Romano a Roma, per votare per le amministrative. Il presidente di Forza Italia, che nella corsa al Campidoglio sostiene Alfio Marchini, ha trasferito la sua residenza da Arcore alla capitale nel settembre del 2013 prima della condanna definitiva per frode fiscale nell'ambito del processo Mediaset-diritti Tv e non ha potuto votare fino alla primavera scorsa perché condannato anche all'interdizione dai pubblici uffici.

 "Per chi votiamo oggi? Per la Raggi? È carina, no?  Poi del Comune sa tutto. Ha fatto anche l'avvocato matrimonialista. O per Giachetti, che era un radicale? Questi non saprebbero nemmeno da che parte si comincia. E se per caso vengono fuori loro bisogna dire che i romani hanno votato senza coscienza. Bisogna votare per competenza non per simpatia partitica" ha detto il leader forzista prima di entrare a votare, con dei ragazzi del partito, che fuori dalla scuola lo hanno accolto con un applauso. Berlusconi era accompagnato alla compagna Francesca Pascale.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Paolo Gentiloni a piedi nei pressi di palazzo Chigi

Gentiloni lascia Chigi e scherza: "Non mi hanno mostrato la stanza dei bottoni"

Il premier uscente ha salutato i dipendenti: "Dovrebbe arrivare il nuovo esecutivo. Lasciamo il Paese con più lavoro, più diritti e conti a posto"

Giuseppe Conte entra alla Camera dei Deputati

Governo, si allungano i tempi. Conte lavora sulla lista dei ministri, al Colle non prima di sabato

Il premier incaricato dal governatore della Banca d'Italia a Palazzo Koch, poi vertice con Salvini e Di Maio

Il Presidente Mattarella a Civitavecchia in occasione della partenza della "Nave della Legalità"

Il Colle non ci sta: "Tema non sono veti, ma diktat su Mattarella e Conte"

Trapelano malumori per la posizione di Di Maio e Salvini su Savona all'Economia

Quirinale, Consultazioni

Salvini: "Pace fiscale e autonomia le priorità". E insiste su Savona al Mef

Una persona che vuole ridiscutere le regole europee "è un vanto per l'Italia, non un disvalore"