Lunedì 26 Giugno 2017 - 11:15

Banche venete, Gentiloni: No regalo a banchieri, è cattiva propaganda

Il presidente di Intesa Sanpaolo Gros-Pietro: "Se fosse vero ci sarebbe distorsione della concorrenza"

Banche venete, Gentiloni: No regalo a banchieri, è cattiva propaganda

"Credo che sia doveroso per uno Stato serio farsi carico dei problemi che possono investire le imprese. Ho sentito qualcuno parlare di 'regalo ai banchieri', chi lo dice fa cattiva propaganda. Chi ha causato questo dissesto deve pagare e non è a loro che si interessa l'intervento del Governo. Lo Stato c'è, il Governo interviene, nel pieno rispetto delle regole Ue, ma interviene per la difesa delle proprie imprese". Così il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, intervenendo alla presentazione di Open mater di Enel, torna sul decreto di salvataggio delle banche venete.

Sullo stesso tema gli fa eco il presidente di Intesa Sanpaolo, Gian Maria Gros-Pietro. "Se fosse vero, come dice qualcuno, che viene fatto un regalo a Intesa, che è una banca sana e competitiva, ci sarebbe una distorsione della concorrenza", dice arrivando all'assemblea dell'Unione industriale a Torino. Chi parla di queste cose, aggiunge, "non ha compreso il meccanismo".

"Intesa - prosegue - prende a suo carico una quantità di debiti e prende a proprio vantaggio la parte sana degli attivi che non sono assolutamente sufficienti a pareggiare. Questo è il motivo per cui occorre un intervento dello Stato, che non è a vantaggio di Intesa, ma è solo a pareggio degli oneri e questo è dimostrato dal fatto che la DgComp (della Commissione Ue, ndr) dice che non c'è distorsione della concorrenza".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Piazza Montecitorio - Manifestazione del M5S contro il Rosatellum

M5S, Morra: "Alleanze? Chi vuole combattere per nostro programma ben venga"

Il senatore commenta le parole di Beppe Grillo e ribadisce la linea di Di Maio, senza escludere dunque apporti esterni dopo il voto

Liliana Segre, reduce di Auschwitz

Chi è Liliana Segre, sopravvissuta all'Olocausto e nuova senatrice a vita

Vittima delle leggi razziali del fascismo, il 30 gennaio 1944 venne deportata con il padre in Germania e poi al campo di concentramento di Birkenau-Auschwitz

Porta a porta, ospiti Danilo Toninelli e Matteo Orfini

Pd, Orfini: "LeU? Evitiamo scenari confusi alla D'Alema. No larghe intese"

Per il presidente del Partito democratico Renzi è la prima scelta per palazzo Chigi, senza escluderne però altri. E l'obiettivo da raggiungere alle urne è il 25%

Milano, convegno "Fare pace è un'impresa"

Olocausto, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Sopravvissuta ai campi di concentramento, ha ricevuto la carica per il suo impegno nel campo sociale