Venerdì 24 Novembre 2017 - 17:45

"A Roma 2mila ricchi tra gli abusivi delle case popolari"

La denuncia della giunta Raggi sul blog del M5s

Manifestazione dei movimenti per la casa contro lo show di Beppe Grillo

Giovedì la protesta dei movimenti per la casa vicino al teatro Flaiano e sotto l'hotel di Beppe Grillo che hanno costretto il garante a uscire allo scoperto, venerdì a lettera aperta dell'assessora capitolina al Patrimonio, Rosalba Castiglione. Il testo è rivolto ai "cittadini benestanti occupanti abusivi delle case popolari", e pubblicato sul blog Cinquestelle.

Duemila persone abbienti o già in possesso di una casa - denuncia la giunta M5S - occupano senza averne diritto una parte di quei 23mila appartamenti di residenza pubblica che toccherebbero a chi ne ha bisogno. Tra loro c'è un abusivo proprietario di 18 immobili. "Altri - denuncia Castiglione - hanno redditi di 70mila, 80mila, fino anche a 90mila euro all'anno".

Non solo. Secondo l'assessora, ci sono più di 1.600 persone subentrate negli alloggi popolari i cui legittimi assegnatari sono morti. I numeri, sconvolgenti, emergono da un censimento degli assegnatari e degli occupanti abusivi delle case popolari, che la giunta guidata da Virginia Raggi ha appena concluso. "Non è stato un impegno da poco. I nostri uffici - sottolinea l'assessore - hanno lavorato duramente per incrociare i dati e far venire alla luce la verità".

Soltanto giovedì si sfogava il fondatore del Movimento, prima dello show: "Sbagliano obiettivo, la situazione di Roma è che non c'è un database, non si capisce chi c'è dentro, c'è gente che ha nove case, macchine, residenze fuori. E' chiaro che ci sono delle vittime". "Chi è venuto a parlare con me penso si senta vittima - ragionava l'artista -. Ci sono persone in buona fede e altre molto in mala fede. Io cercherò di metterli a un tavolo".

Ma il problema, per Grillo e il M5S, resta il malaffare che "da trent'anni" domina il giro delle case occupate nella capitale. Robe che neanche "Gesù Cristo", ammette il Cinquestelle. Nella lettera l'assessora rivolge parole dure agli abusivi. "Cari, sì, proprio 'cari' perché costate alla collettività un prezzo altissimo e il più alto è proprio quello che pagano le famiglie in attesa della casa popolare sin dal 2000". "Viene proprio da chiedersi con quale coraggio e quale coscienza abbiate 'rubato' il diritto alla casa ai nostri concittadini in difficoltà", chiede retorica. E dopo: "Pensavate che non sarebbe mai arrivata a Roma un'Amministrazione determinata e onesta?".

Soltanto nelle battute finali della lettera, Castiglione si ammorbidisce e promette: "Una volta che gli permetteremo di spirare forte, il vento della legalità soffierà a beneficio di tutti". Quindi l'invito, utopico e provocatorio, agli occupanti benestanti a compiere un "gesto di onestà" e a lasciare l'appartamento occupato che verrà subito assegnato a chi ha diritto. Questa sera Grillo ripeterà il suo show al Flaiano. Domani il capo politico del M5S, Luigi Di Maio, è atteso a Milano alle 12 alle Cavallerizze del museo della scienza e alle 17.30 ai Magazzini generali per l'open Day di Rousseau e per la presentazione del candidato presidente M5s della Lombardia. 

Scritto da 
  • Elisabetta Graziani
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

San Raffaele, si è suicidato Mario Cal

Mafia, spallata a fiancheggiatori Matteo Messina Denaro: 30 indagati

Blitz a Castelvetrano (Trapani). Coinvolte persone arrestate negli anni o che hanno avuto legami con il latitante

Ucraina vaccinazione

Vaccini, Consulta: "Diritto a indennizzo in caso di menomazioni permanenti"

Sempre che sia accertato un nesso di causalità tra somministrazione del vaccino e menomazione permanente

Rapina con sparatoria a Portile (MO)

Viterbo, coniugi uccisi in casa e avvolti nel cellophane: si cerca il figlio

L'uomo al fratello aveva raccontato di aver portato i genitori in una clinica senza indicare il nome della struttura

Ingresso scuola Materna in via Aretusa

Cosenza, bimbi maltrattati alla scuola d'infanzia: sospese due maestre

Pizzicotti, schiaffi e tirate d'orecchio verso i piccoli