Francesco assente per motivi di saluti ha scritto l'omelia letta dal cardinale Parolin durante la messa in San Pietro

Trovare tempo da dedicare al prossimo è l’augurio del Papa per l’inizio del nuovo anno. Francesco non ha celebrato la messa del primo dell’anno in San Pietro per motivi di salute, a causa di una dolorosa sciatalgia. “Che cosa siamo chiamati a trovare all’inizio dell’anno? Sarebbe bello trovare tempo per qualcuno. Il tempo è la ricchezza che tutti abbiamo, ma di cui siamo gelosi, perché vogliamo usarla solo per noi. Va chiesta la grazia di trovare tempo per Dio e per il prossimo: per chi è solo, per chi soffre, per chi ha bisogno di ascolto e cura. Se troveremo tempo da regalare, saremo stupiti e felici, come i pastori. La Madonna, che ha portato Dio nel tempo, ci aiuti a donare il nostro tempo”, ha scritto Francesco nell’omelia della messa nella solennità di Maria Santissima Madre di Dio e nella ricorrenza della 54esima Giornata Mondiale della Pace, letta dal cardinale Segretario di Stato Pietro Parolin.

“Quest’anno, mentre speriamo in una rinascita e in nuove cure, non tralasciamo la cura. Perché, oltre al vaccino per il corpo, serve il vaccino per il cuore: è la cura. Sarà un buon anno se ci prenderemo cura degli altri, come fa la Madonna con noi”, ha scritto ancora il Pontefice. 

Francesco ha invece recitato l’Angelus, trasmesso dalla Biblioteca del Palazzo Apostolico Vaticano. “A tutti voi rivolgo i miei auguri di pace per il nuovo anno. Ringrazio il presidente della Repubblica italiana, onorevole Sergio Mattarella, per gli auguri che mi ha rivolto ieri sera e lo ricambio di cuore”, ha detto al termine. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata