Secondo l'annuale classifica di Forbes i primi dieci giocatori hanno guadagni complessivi di 558 milioni di dollari tra stipendio e sponsorizzazioni

LeBron James è, anche quest’anno, il giocatore più pagato dell’Nba. A certificarlo è l’annuale classifica di Forbes che fa i conti in tasca ai giocatori della Lega di basket più importante del mondo e che attesta i guadagni del numero 23 dei Los Angeles Lakers per la stagione 2020/2021 in 95,4 milioni di dollari: 31,4 di stipendio e 64 di sponsorizzazioni. Una cifra monstre che consente a James di rimanere in vetta a questa particolare classifica per il settimo anno consecutivo e che fa di lui l’atleta più pagato di sempre di tutti gli sport di squadra americani.

In realtà, come spiega l’articolo di Forbes, lo stipendio che “The King” avrebbe dovuto percepire in questa stagione era di 39,2 milioni di dollari. James però, come tutti gli altri giocatori della Nba, ha accettato il decurtamento del proprio salario del 20%. Una rinuncia di poco conto per un atleta il cui patrimonio supera abbondantemente il mezzo miliardo di dollari ma che, almeno per quest’anno, non gli permette di entrare nel ristretto club di atleti capaci di guadagnare 100 milioni in un solo anno. I circa otto milioni di dollari che James percepirà in meno andranno a finire in un fondo di garanzia che va a contribuire al bilanciamento 50-50 dei ricavi della lega. Un accordo che fa parte del contratto collettivo e che è stato sottoscritto per sopperire ai mancati introiti per via della pandemia. In ogni caso stiamo parlando di cifre astronomiche considerando che tutti i 400 giocatori che compongono la Lega portano a casa un totale di quasi tre miliardi di dollari: una media di 9,5 milioni di dollari a giocatore, cifra più che doppia rispetto ai colleghi del baseball e tre volte maggiore a quelli del football. 

Tornando alla classifica della rivista americana, questa prende in analisi soprattutto i guadagni dei primi dieci giocatori dell’Nba che sommati sfiorano i 558 milioni di dollari. Alle spalle di LeBron troviamo la stella dei Golden State Warriors, Stephen Curry, nelle cui tasche finiranno quest’anno 74,4 milioni, 40 dei quali derivanti solo da sponsorizzazioni e accordi commerciali. Altro giocatore dei Warriors in classifica, al settimo posto, è Klay Thompson, l’altro Splash Brother, che porta a casa 43,3 milioni. Sul gradino più basso del podio c’è invece Kevin Durant il cui income annuale è di 65,2 milioni di dollari. Kd non è  però l’unico top player di Brooklyn entrato in classifica: al quinto posto c’è infatti “Il Barba” James Harden con i suoi 50 milioni mentre all’ottavo si piazza Kyrie Irving che di milioni ne guadagna 43. Gli altri giocatori della top ten dei paperoni Nba sono Russell Westbrook al quarto posto con 58,1 milioni di dollari, Giannis Antetokounmpo al sesto con 49, Chris Paul al nono 40,1 milioni, chiude Damian Lillard con 39 milioni. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata