"Se da qui ad ottobre vedrò la possibilità di poter vincere nel 2018 sarò felice di restare alla McLaren"

"Vediamo cosa riusciremo a fare. Sicuramente il nostro momento non è il migliore. Le prestazioni non sono state all'altezza, e non ho concluso ancora un gran premio. Il primo passo è migliorare, il secondo capire quanto possiamo essere competitivi su questa pista". Fernando Alonso confida nel pubblico amico del Montmelò, sede dell'appuntamento del weekend di Formula 1, per il rilancio al volante della McLaren. "Forse con gli aggiornamenti ci potrebbero essere dei cambiamenti", ha spiegato il pilota spagnolo nella conferenza stampa alla vigilia delle prove libere. "Dobbiamo capire in che posizioni ci muoveremo in questo weekend. Dovremo cercare di fare la nostra gara e concludere con entrambe le macchine. Dobbiamo mettere a punto alcune cose in vista del proseguo stagione. Speriamo sia un punto di partenza per il nuovo campionato". Alonso è tornato sul deludente appuntamento di Sochi, dove è stato costretto al ritiro già prima del via. "Non so cosa sia accaduto. Il problema è stato al sistema Ers nel giro di formazione e non sono più riuscito a far ripartire la macchina. E' stato un peccato non poter neanche partire. È qualcosa di inaccettabile, dobbiamo mettere a posto le cose per quello che riguarda l'affidabilità della vettura".

Lo spagnolo salterà il prossimo Gran Premio di Montecarlo perché impegnato ad Indianapolis: "La settima prossima, con le prove libere, spero che riuscirà a sentire più fiducia e prendere più confidenza con la macchina per essere pronto il 28 maggio. Saranno due settimane molto intense". Sul futuro, e le voci su un possibile ritorno in Ferrari, il pilota di Oviedo ha commentato: "Ho detto che questo è il mio ultimo anno di contratto con McLaren. Dovrò riflettere dopo l'estate. Questo è un periodo molto impegnativo. Mi concentrerò poi sull'anno prossimo, per capire se trovare nuove sfide fuori dalla Formula 1 o se la Formula 1 mi darà l'opportunità di poter lottare per il campionato. Sono aperto ad ogni soluzioni". "Ma questa F1 mi piace – ha aggiunto – e la mia priorità è correre qui, non solo correre ma anche vincere. Sono contento del mio team ma non stiamo vincendo. Se da qui ad ottobre vedrò la possibilità di poter vincere nel 2018 sarò felice di restare in questo team". Anche se, ha riconosciuto, "non c'è la bacchetta magica per riportare la McLaren al successo".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata