L’attore romano torna sul set, a Roma, per una pellicola per famiglie, accanto a Donatella Finocchiaro

Sono iniziate, da qualche giorno, a Roma, le riprese del film “Greta e le favole vere” di Berardo Carboni, con Raoul Bova e Donatella Finocchiaro. La pellicola, scritta da Berardo Carboni, Fabio Di Ranno e Valeria Giasi, sarà girata quasi interamente nella Capitale, per circa sei settimane.

Nel cast ci sono anche Sabrina Impacciatore, Federico Cesari, Demetra Bellina, e i giovanissimi Sara Ciocca e Mattia Garaci. Nel film c’è anche Darko Perić, conosciuto soprattutto per il ruolo di Helsinki ne “La casa di carta”.

Raoul-Bova

Raoul Bova

“Una pellicola per famiglie, che può vantare un regista visionario come Berardo Carboni (“Youtopia” con Matilda De Angelis, ndr) e un cast di altissimo livello, uniti per raccontare questa fiaba bellissima”, ha dichiarato Ilaria Dello Iacono che, assieme a Martha Capello, produce il film per Pegasus Entertainment.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Donatella Finocchiaro (@donatellafinocchiaro)

“‘Greta e le favole vere” con Raoul Bova, trama e cast

La storia è quella di Greta, una bambina di nove anni che realizza addobbi natalizi assieme alla sua babysitter, Katy. Un giorno, dopo una deludente rivelazione, Nicola, il suo vicino di casa, le disegna una fiaba animata che le cambierà la vita. La protagonista della fiaba si chiama proprio Greta, ed è Greta Thunberg, una ragazzina che con la sua voce sta provando a cambiare il mondo e focalizzare l’attenzione sui problemi ambientali. Così per Greta inizia una serie di avventure, storie di impegno e amicizia, missioni difficili da compiere e avventure ricche di soprese.

Con questa pellicola, dunque, Raoul Bova torna sul grande schermo. Negli ultimi anni, infatti, l’attore romano è stato impegnato soprattutto in fiction e film per la tv, come la serie “Buongiorno, mamma!” di Giulio Manfredonia e il docu-film “Ultima gara” diretto dallo stesso Bova con Marco Renda.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata