È stato presentato martedì sera il libro che racchiude aneddoti e foto d’archivio del locale Vip di Capri

anema-e-core

Anema e Core

Forti emozioni e una grande partecipazione di pubblico per la presentazione del libroAnema e Core“, edito da Rizzoli: una raccolta di aneddoti e foto d’archivio racchiuse in un volume che ripercorre la storia del locale più Vip dell’isola iniziata nel 1994 da Guido Lembo e portata avanti insieme al figlio Gianluigi.

A presentare l’evento è stato Guido Barendson, noto giornalista e frequentatore della Taverna caprese sin dai suoi esordi. Con lui sul palco, a fianco di Gianluigi Lembo, due presenze artistiche d’eccezione: Alessandro Preziosi, celebre volto di tv, cinema e teatro, e Geppy Gleijeses, attore e regista e produttore teatrale, entrambi capresi d’adozione, affezionatissimi all’isola e alla famiglia Lembo.

Alessandro Preziosi ha voluto dedicare una poesia , omaggio a Guido, “cuore pulsante” di Capri e Maestro di canzoni napoletane. Poco dopo, con la sua istrionicità, ha regalato al pubblico una personale versione della “Tamurriata nera”.

anema-e-core

Anema e Core

Una sorpresa è arrivata anche dalle istituzioni, quando il Sindaco Marino Lembo ha consegnato a Guido una pergamena della Città di Capri “per aver divulgato con ‘Anema e Core’ la Dolce Vita caprese nel Mondo”.

Barendson ha voluto ripercorrere con le pagine del libro, che si avvale della prefazione di Carlo Rossella, i primi 27 anni dell Taverna, ricordando i grandi nomi dello spettacolo, dello sport, della moda che hanno diviso il palco con Guido e che oggi duettano e vivono “notti magiche” anche con Gianluigi, futuro e degno erede artistico del padre.

“Anema e Core” e tutti i grandi nomi dello star system

Va ricordato che tutti i grandi nomi dello star system hanno trascorso almeno una notte in Taverna vivendo la magia delle atmosfere capresi: da Lucio Dalla a Giorgio Armani, da Jennifer Lopez a Dolce e Gabbana, passando per Zucchero e Beyoncè, solo per citarne alcuni.

Padre e figlio hanno poi voluto regalare al pubblico un piccolo concerto improvvisato, partendo proprio da quella che è diventata la colonna sonora del locale “Anema e Core”, proseguendo con “O’ surdato ‘nnammurato“, per chiudere con una dedica romantica di Guido alla moglie Anna in prima fila sulle note di “Tu sì ‘na cosa grande“, e concludere con “Meraviglioso” come inno alla vita per salutare tutti gli ospiti.

anema-e-core

Anema e Core

anema-e-core

Anema e Core

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata