Modificato il regolamento del Festival: il cantante si esibisce in video anziché sul palco

Una modifica al regolamento del Festival di Sanremo in piena kermesse. In epoca Covid succede anche questo. A far stravolgere le norme che regolamentano la competizione, il caso di Irama. Il cantautore, infatti, a poche ore dall’inizio della seconda serata era formalmente, ai termini di regolamento, obbligato al ritiro. Due membri del suo staff, il parrucchiere e il fonico, sono risultati positivi al tampone molecolare. Lui, invece, è negativo. Ma poco conta: costretto a rispettare la quarantena sarebbe stato impossibilitato ad esibirsi sul palco dell’Ariston, e quindi eliminato.

Ma Amadeus non ci sta, e tira fuori il coniglio dal cilindro. Perché di eliminare un concorrente in gara non ne vuole sentire parlare. E così lancia la proposta: con l’ok di tutte le case discografiche, modificare il regolamento e consentire a Irama di rimanere in gara trasmettendo il video della prova generale. Detto, fatto, norme cambiate. Per lui e per tutti gli altri casi che (si spera di no) dovessero presentarsi, con il benestare dei discografici.

Poco dopo la decisione, Irama accetta così di rimanere in gara. E incontra la stampa da remoto, in quarantena nella sua camera d’albergo. Il pensiero va ai collaboratori positivi al Covid (“spero stiano tutti bene, è la prima cosa di cui ci siamo preoccupati”), e poi alla kermesse: “Da una parte sono grato e riconoscente ad Amadeus, ma anche al mio management, alla Rai, ai colleghi, che mi hanno teso la mano. C’è stato un aiuto da questo punto di vista, mi è stata tesa la mano in momento di difficoltà. Ma sono anche dispiaciuto perché ci tenevo molto a fare questa performance, c’è dietro un lavoro di mesi e di un intero team. Ci tenevo particolarmente a essere su quel palco, a esibirmi e giocarmi in maniera sana questo Festival”. Anche perché, inutile negarlo, la performance non sarà quella prevista. A partire dal look, visto che in prova Irama non ha sfoggiato le “grandi cose” che aveva previsto. Anche per questo, “se adesso mi chiedessero di alzarmi e andare a cantare sul palco dell’Ariston andrei immediatamente. Sto lavorando e preparando questa cosa da tanto tempo. L’adrenalina e il momento della diretta non me lo ridarà nessuno”.

Oltre che per la sua canzone in gara, il maggior dispiacere di Irama è per la serata delle cover di giovedì per la quale aveva scelto ‘Cyrano’ di Francesco Guccini. E il cantautore di Pàvana aveva preparato apposta per l’occasione una intro inedita. In qualche modo la sentiremo lo stesso, “ma sarebbe stato emozionate esibirmi dal vivo con una cosa così importante”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata