Los Angeles (California, Usa) 19 nov. (LaPresse/AP) – “Jen non si sente bene” ha detto un portavoce alla premiere di ieri sera a Los Angeles del sequel di ‘Hunger games: La ragazza di fuoco’, rispondendo ai giornalisti che si interrogavano del ritardo della protagonista Jennifer Lawrence. Ad attendere ai cancelli del Nokia Plaza circa 700 persone, con in mano cartelli, poster e copie del libro di Suzanne Collins. Alla fine è arrivata anche lei ‘la ragazza di fuoco’: bellissima, nonostante un sorriso più stanco del solito. Ha indossato un abito Dior Couture, gioielli Anita Ko, scarpe Brian Atwood.

Il sequel di ‘Hunger games’ sta girando il mondo infilando una premiere dietro l’altra. Dall’anteprima sotto la pioggia di Londra della settimana scorsa, alla prima berlinese del 12 novembre, poi è stata la volta di Madrid il 13, Roma il 14, Parigi il 15 e ora Los Angeles. Per il regista Francis Lawrence “saltellare da una parte all’altra del mondo è al contempo divertente e stancante”. “Il jet lag ti fa impazzire, ma quando arrivi e vedi un gruppo di fan come questo, ne sei entusiasta. È davvero energizzante e stimolante e fa sì che ne valga la pena”.

Sul red carpet hanno sfilato, uno via l’altro, tutti gli attori del film: Josh Hutcherson, Liam Hemsworth, Elizabeth Banks, Lenny Kravitz, Donald Sutherland e Stanley Tucci. Come nel primo film anche il sequel di ‘Hunger games’ segue la storia del romanzo futuristico di Suzanne Collins con al centro le sfide di Katniss Everdeen (Lawrence) e Peeta mellark (Hutcherson).

Altri due film degli Hunger games sono in cantiere, ha confermato il produttore Nina Jacobson. Il terzo romanzo della Collins sarà, infatti, diviso in due pellicole ‘Il canto della rivolta: Parte 1 e Parte 2’, la prima uscirà nel 2014, la seconda invece nel 2015. Stasera ‘La ragazza di fuoco’ avrà la sua premiere canadese a Toronto e mercoledì a New York city. In Italia il film uscirà nelle sale il 27 novembre.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata