Abruzzo, Toscana e Valle d'Aosta hanno scelto di dare il via libera, tutte le altre di attendere l'evoluzione della curva epidemiologica

La campanella delle scuole superiori tornerà a suonare lunedì, ma solo in tre regioni. Abruzzo, Toscana e Valle d’Aosta hanno scelto di dare il via libera, tutte le altre di attendere l’evoluzione della curva epidemiologica. Ancora una volta a farla da padrona sarà quindi la didattica a distanza. Per il resto degli studenti la parola d’ordine è attesa fra chi conta di far tornare i ragazzi in aula il 18 gennaio, chi ha optato per il 25 e chi come Basilicata, Calabria, Friuli, Marche, Sardegna, Sicilia e Veneto ha già deciso che la didattica a distanza proseguirà per tutto il mese di gennaio. Una presa di posizione che ha irritato non poco la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, grande paladina della didattica in presenza, ma la preoccupazione è tanta specie per le problematiche dovute al sistema dei trasporti.

E contro le riaperture a macchia di leopardo si schiera anche Agostino Miozzo, portavoce del Cts, che dice di “leggere con grande preoccupazione l’elenco impressionante di decisioni prese dai diversi presidenti di Regione in merito al ritorno in presenza degli studenti delle scuole superiori”. Una sorta di “anarchia didattica” davanti al “dramma di milioni di ragazzi che da quasi un anno sono reclusi a casa in una non sempre efficiente didattica a distanza che in molti casi ha solo accentuato le differenze di classe penalizzando in modo drammatico che non dispone di mezzi idonei.

I sindacati, dal canto loro, puntano sulla vaccinazione di tutto il personale che viene a contatto con gli studenti. “Non possiamo perdere altro tempo: sono più di trecentomila i docenti che superano i 55 anni. L’87% si è detto disponibile a vaccinarsi”, sottolinea Maddalena Gissi segretaria generale Cisl Scuola. La richiesta alla politica è quella di porre fine “all’ignavia che sta dimostrando in ogni sua azione. Vacciniamo la scuola e facciamo tornare il sorriso ai nostri studenti”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata

Tag:,