Manovra, mamme al lavoro fino al parto con il nuovo congedo

Aumenta anche il bonus per l'iscrizione agli asili nido. Più risorse per tagliare le liste d'attesa in ospedale, ma meno fondi per il bonus 18enni

Via libera dall'aula della Camera alla legge di Bilancio. Il testo passa ora all'esame del Senato dove approderà in commissione lunedì 10: l'arrivo in aula invece è previsto per martedì 18 dicembre. Proprio a palazzo Madama arriveranno le novità più corpose e attese del testo, da quota 100 e reddito di cittadinanza al taglio delle pensioni d'oro. Ecco le principali novità apportate a Montecitorio: 

MAMME AL LAVORO FINO AL PARTO, 5 GIORNI PER I PAPA'. Le lavoratrici potranno restare in servizio fino alla data del parto e godere dopo dei cinque mesi di maternità, con l'assenso del medico. I giorni di congedo di paternità aumentano da 4 a 5. Sale da mille a 1.500 euro l'anno il bonus per l'iscrizione in asili nido pubblici o privati. Si stanzia un milione di euro per il 2019 per incentivare l'acquisto di seggiolini con dispositivi anti-abbandono.

FINO A 6MILA EURO PER COMPRARE UN'AUTO ELETTRICA. Fa discutere (e sarà forse rivisto) il contributo per l'acquisto di autovetture, basato sul meccanismo del bonus/malus ecologico. Dal 1° gennaio 2019 e per i successivi tre anni chi acquisterà e immatricolerà in Italia un'autovettura nuova elettrica, ibrida o alimentata a metano, si vedrà riconosciuto un contributo economico fino a 6mila euro, calcolato sulla base della CO2 emessa per chilometro. Chi, invece, ne comprerà una nuova alimentata con carburanti più inquinanti, dovrà pagare un'imposta che, anche in questo caso, sarà legata alle emissioni di CO2 del veicolo.

STOP CARTA FAMIGLIA PER EXTRACOMUNITARI. La carta è destinata alle famiglie costituite da cittadini italiani ovvero appartenenti a Paesi membri dell'Unione europea regolarmente residenti nel territorio italiano, con almeno tre figli conviventi di età non superiore a 26 anni. Esclusi dunque dal nuovo testo gli extracomunitari.

BONUS NIDO. Sale a 1.500 euro all'anno il bonus per l'iscrizione in asili nido pubblici o privati previsto alla legge di bilancio 2017.

BONUS 18ENNI. Verrà tenuto conto dell'Isee famigliare per l'assegnazione della 'Card cultura', il bonus 18anni per cui viene ridotto lo stanziamento fissando un limite massimo di 130 milioni di euro. I quaranta milioni di euro in eccedenza vengono così distribuiti: 8 milioni a incrementare il fondo unico per lo spettacolo, un milione per il sostegno di festival cori e bande, 3 milioni per iniziative culturali in zone terremotate, 2 milioni per la realizzazione di iniziative culturali a Matera, Capitale europea della cultura 2019, 4 milioni al Fondo per lo sviluppo degli investimenti nel cinema e nell'audiovisivo, 2 milioni per la riqualificazione delle periferie urbane, anche attraverso progetti di arte contemporanea, 3,5 milioni per la promozione delle arti applicate (moda, design e grafica), 4 milioni per la digitalizzazione del patrimonio culturale.

SPORT E SALUTE SPA. La società Sport e salute Spa che sostituisce la Coni Servizi provvederà al finanziamento, oltre che delle federazioni sportive nazionali, anche delle discipline sportive associate, degli enti di promozione sportiva, dei gruppi sportivi militari e dei corpi civili dello Stato, nonché delle associazioni benemerite. Viene inoltre chiarita che l'incompatibilità già prevista riguarda gli incarichi degli organi di vertice del Coni e della società Sport e salute.

RADDOPPIO TAGLIO DELL'IMU PER I CAPANNONI. Il taglio dell'Imu sui capannoni sale dal 20% al 40%. La proposta di modifica, benedetta dal leader del Carroccio Matteo Salvini, prevede l'introduzione dell'art. 4bis. La misura costerà 290,3 milioni nel 2020 e circa 166,9 dal 2021. Le risorse proverranno dal Fondo per l'attuazione del programma di Governo, previsto nell'art.55 della legge di Bilancio.

OK A 4MILA ASSUNZIONI IN CENTRI IMPIEGO. Si punta al rafforzamento degli organici dei Centri per l'impiego. La misura è complementare al reddito di cittadinanza, i cui dettagli sono però ancora in via di definizione. Le Regioni sono autorizzate ad assumere fino a 4mila unità da destinare ai centri per l'impiego. Stanziati 120 mln nel 2019, 160 mln nel 2020 e altri 160 mln nel 2021.

STOP AI FURBETTI DELLA FLAT TAX. Con un emendamento dei relatori, vengono introdotti paletti per evitare abusi come licenziamenti o uscite strumentali per ridursi il carico fiscale e poter accedere alla nuova flat tax al 15%, che viene riconosciuta alle partite Iva con ricavi o compensi fino a 65mila euro. Con l'emendamento, si escludono dall'imposta sostitutiva le persone fisiche la cui attività è esercitata prevalentemente nei confronti di datori di lavoro con i quali il soggetto lavora o ha lavorato nei due anni d'imposta precedenti. Lo stop riguarda anche i rapporti di lavoro intrattenuti nei confronti di soggetti "direttamente o indirettamente riconducibili" al vecchio datore di lavoro.

IL CASTASTO DELLA FRUTTA. Spunta il catasto frutticolo nazionale. L'obiettivo è migliorare la "competitività e lo sviluppo del settore ortofrutticolo nazionale" e "ridurre i rischi di volatilità dei prezzi". I criteri per la realizzazione del catasto saranno fissati con un successivo decreto regolamentare del ministero dell'Agricoltura. Più soldi (un milione l'anno) anche per l'apicoltura.

ACCISA MINORE PER I MICRO-BIRRIFICI. Un taglio di un centesimo dell'accisa sulla birra: l'accisa sarà non a 3 euro ma a 2,99 ad ettolitro. Si taglia anche del 40% l'accisa per i micro-birrifici con una produzione fino a 10mila ettolitri.

PROROGA PER SISAL E RADIO RADICALE. Si allunga fino al 30 settembre 2019 il diritto di Sisal di gestire i "giochi numerici a totalizzatore nazionale" come il Superenalotto, in attesa dell'assegnazione di una nuova concessione. Lo stabilisce un emendamento del Governo che aggiunge un articolo, l'89bis. Le maggiori entrate, quasi 71 milioni, si aggiungono al 'Fondo per l'attuazione del programma di governo'. Via libera anche alla convenzione con Radio Radicale, per sei mesi.

LA NORMALE DI PISA ANCHE A NAPOLI. Aprirà a Napoli una nuova sede della Normale di Pisa dall'anno scolastico 2019-2020. La denominazione sarà Scuola Normale Superiore Meridionale, e verrà realizzata in spazi dell'Università di Napoli Federico II. La cosa non piace al sindaco pisano Michele Conti. Arrivano poi 40 milioni destinati al fondo per il finanziamento ordinario degli atenei nel 2019. Inoltre, 10 milioni aggiuntivi andranno invece al fondo per gli enti e gli istituti di ricerca e altrettanti per finanziare il diritto allo studio.

LISTE D'ATTESA DIGITALIZZATE. Con un emendamento pentastellato, vengono triplicati per il 2019 i fondi già previsti per ridurre le liste d'attesa e raddoppiato quelli per i successivi due anni. In totale, sono stanziati 150 milioni nel 2019, 100 nel 2020 e 100 nel 2021. Queste risorse serviranno a digitalizzare e, di conseguenza, a rendere trasparenti le liste d'attesa.

NIENTE IVA AGEVOLATA PER PACCHETTI BENESSERE. E' invece saltata, per mancanza di coperture, la norma per applicare l'Iva agevolata al 10% alle prestazioni rese ai clienti degli alberghi, come pacchetti di massaggi o per il benessere del corpo. L'emendamento era stato approvato in commissione Bilancio alla Camera ma è stato poi stralciato dopo un rinvio della manovra in commissione: la copertura necessaria sarebbe di 30 milioni e non, come era stato stimato, 1 milione di euro.

QUASI 40MLN PER PRESIDENZA DEL G20. Trentotto milioni di euro in 3 anni, ovvero 2 milioni di euro per il 2019, 10 milioni di euro per 2020, di 26 milioni di euro per il 2021 e un altro milione di euro per il 2022 per il finanziamento delle attività di carattere logistico-organizzativo connesse con l'esercizio della Presidenza italiana del G20, diverse dagli interventi infrastrutturali e dall'approntamento del dispositivo di sicurezza. Nel triennio 2019-2021, infine, viene stanziato un milione all'anno per garantire "l'autonomia energetica nazionale di fronte ai rischi globali". 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata