Kevin Masocco ©  Facebook Kevin Masocco
Bolzano, audio consigliere leghista: "C'è una dj da violentare". Lui smentisce

Lo ha pubblicato il quotidiano Tageszeitung, ma l'esponende del Carroccio si difende: "Complotto per screditare la Lega"

"Venite allo Juvel, c'è una dj fi.. da violentare. Adesso ti mando una foto". È l'audio, recuperato e pubblicato dal quotidiano Tageszeitung, attribuito al neoconsigliere comunale di Bolzano Kevin Masocco. La frase di Masocco, a cui fanno seguito una serie di bestemmie, è rimbalzata sui social e il comitato pari opportunità ha subito chiesto le sue dimissioni dal consiglio comunale per aver offeso "le donne e le istituzioni".

Il giovane consigliere del Carroccio ha subito pubblicato una smentita sulla propria pagina Facebook sostenendo di essere rimasto vittima di un complotto per screditare la Lega. "Quella non è la mia voce" assicura Masocco precisando che "da sempre difendo la dignità di tutte le donne e condanno ogni atto di violenza. Chiederò al comitato pari opportunità del comune di Bolzano di attivarsi sempre più per promuovere la dignità della donna. Colgo questa occasione non tanto per difendere la mia reputazione ma per chiedere la tutela per tutte le forme di violenza sulle donne". E annuncia di volersi recare a sporgere denuncia e di diffidare lo Tageszeitung a continuare a diffondere "questa fake news". 

Si tratterebbe del terzo del caso in pochi giorni dopo le frasi sui 'finocchi', con protagonista il consigliere comunale Kurt Pancheri, e la denuncia presentata dai verdi contro il deputato Filippo Maturi per non aver censurato gli insulti comparsi sulla sua pagina Facebook nei confronti dell'assessora ecologista Maria Laura Lorenzini

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata