Il leader di Azione ha parlato a margine della presentazione della federazione tra il suo partito e + Europa

(LaPresse) Carlo Calenda ha parlato della corsa al Quirinale a margine della presentazione della federazione tra Azione e +Europa, un’alleanza politica che conta su quasi il 6% dei sondaggi e può essere considerata la quinta forza politica in Italia. “Il nome di Emma Bonino per il Quirinale? Magari, ci metterei la firma domani mattina. Il nome di Berlusconi non esiste perché il presidente della Repubblica deve essere super partes e responsabile e il comportamento di Berlusconi negli ultimi giorni non lo è. Sarei felicissimo di tenere Mattarella e Draghi e sarebbe importantissimo non perdere insieme Mattarella e Draghi”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata