Sul plico la scritta: "Frode Covid". All'interno cartacce e pannolini sporchi

Nel primo pomeriggio di oggi, due uomini hanno suonato all’abitazione del presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, consegnandogli un pacco di cartone con sopra un foglio con su scritto ‘Frode Covid’, dicendogli, fra le altre cose, che gli ospedali sarebbero vuoti e che si toglie lavoro alle persone. Bonaccini ha chiamato subito i Carabinieri, lasciando su loro consiglio il pacco fuori casa. I militari, una volta sul posto hanno poi avuto modo di verificare il contenuto non pericoloso: cartacce e pannolini sporchi.

 I carabinieri hanno comunque recuperato tutto il materiale per gli accertamenti del caso, sui quali riferiranno alla Procura della Repubblica di Modena, già allertata. Il foglio sopra il pacco riportava anche: “Mittente: Oss, bimbi, famiglie, aziende, popolo italiano (rispettoso della Costituzione). Frode Covid”. I Carabinieri, d’intesa con la Prefettura, la Questura e il Comando provinciale della Guardia di Finanza hanno inteso adottare ogni misura utile alla sicurezza di Bonaccini e della sua famiglia.

Diversi i messaggi di vicinanza arrivati dopo l’episodio al governatore. “La solidarietà delle deputate e dei deputati del Pd al Presidente Bonaccini per il grave episodio di intimidazione ai danni suoi e della famiglia. Fatti del genere vanno condannati senza incertezze. A chi si sta prodigando per la tutela della salute di tutti i cittadini e per uscire quanto prima da questa terribile pandemia il nostro pieno sostegno”. Ha dichiarato Debora Serracchiani, capogruppo Pd alla Camera.

 Parole a cui hanno fatto eco quelle del ministro della Salute, Roberto Speranza: “Un caro abbraccio a Stefano Bonaccini. Il nemico è il virus. Non chi lo combatte ogni giorno”, ha scritto su Twitter il ministro. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata