Pioggia al Centro-Nord, neve su Prealpi e Appennino settentrionale. Miglioramenti da domenica

La lunga fase anticiclonica caratterizzata da tempo stabile e clima mite ha le ore contate. In questa parte finale di settimana l’Italia va incontro ad un peggioramento delle condizioni meteorologiche – affermano i meteorologi di iconameteo.it – dovuto all’arrivo delle prime due perturbazioni di marzo.

La prima, molto debole, in risalita dal Nord Africa, attraverserà nella giornata odierna le regioni centro-meridionali e le Isole maggiori, ma con scarsi effetti. La seconda, a carattere di fronte freddo, in discesa dal Nord Europa e diretto verso i Balcani, valicherà le Alpi nella serata, nel corso della giornata di sabato scivolerà lungo la Penisola portando una maggiore instabilità: dapprima sulle regioni settentrionali e su quelle centrali adriatiche, in seguito anche sulle restanti regioni peninsulari.

La massa d’aria fredda associata al fronte causerà un temporaneo calo termico, più sensibile al Nord e nel settore del medio Adriatico, insieme ad un rinforzo dei venti nord-orientali. Per domenica si profila un parziale miglioramento, mentre la tendenza per la prossima settimana resta ancora incerta: un’altra perturbazione potrebbe arrivare tra lunedì e martedì e coinvolgere soprattutto il Centro-Sud.

Su tutte le regioni osserveremo una nuvolosità sparsa, con schiarite ancora ampie sulle regioni adriatiche nella prima parte della giornata. Ampi rasserenamenti anche su Alpi, Piemonte e Lombardia. Nubi più compatte in Sicilia e Liguria dove sin dal mattino saranno possibili locali piogge. Altrove precipitazioni scarse: deboli e isolate piogge possibili dal pomeriggio nel Nord-Est, su Toscana, Umbria, Lazio, nord Campania e Sardegna centro-meridionale. In serata tendenza ad un peggioramento più significativo nel Nord-Est con fenomeni più diffusi, localmente moderati e in estensione dapprima alla Lombardia e poi nella notte anche al Piemonte; deboli e isolate piogge possibili su Marche, Umbria, Toscana, Lazio, Campania, Calabria meridionale e Sicilia centro-orientale. Nella notte quota neve in calo lungo le Prealpi e sull’Appennino settentrionale.

Temperature massime stazionarie o in lieve flessione, su valori nella norma o poco al di sopra. Venti per lo più deboli, da sud sui bacini meridionali dove risulteranno a tratti moderati. In tarda serata irromperà forte la Bora sull’alto Adriatico. Mari in prevalenza calmi o poco mossi; molto mosso il Canale di Sicilia, da poco mossi a mossi l’alto Ionio, il Canale d’Otranto e i bacini attorno alla Sardegna.

SABATO

Rapido passaggio di un sistema frontale accompagnato da un rinforzo dei venti orientali. Nuvolosità variabile in tutte le regioni, più intensa nella prima parte della giornata al Nord-Ovest e regioni centrali adriatiche, dal pomeriggio in molte regioni del Centro-Sud. Al mattino piogge sparse a tratti moderate in Piemonte con quota neve intorno a 800-1200 metri; precipitazioni deboli e isolate su nord Lombardia, Emilia Romagna, regioni centrali, nord Puglia. Deboli nevicate su Prealpi lombarde e Alpi piemontesi da 800-1200 metri in su, sull’Appennino centro-settentrionale oltre 900-1500 metri. Nel pomeriggio residue deboli precipitazioni sul basso Piemonte, ampi rasserenamenti nel resto del Nord ma anche e in Toscana. Aumenta invece l’instabilità con qualche pioggia o rovescio in Sardegna, bassa Toscana, Lazio e zone appenniniche di Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Calabria; rischio di locali temporali in Sardegna e Lazio.

Temperature massime in diminuzione sensibile (anche di 5-6 gradi) al Nord e sulle regioni adriatiche, dove i valori si porteranno temporaneamente al di sotto della norma; in lieve aumento su Lazio, Campania e Sicilia. Venti da moderati a forti di Bora sul medio e alto Adriatico, di Grecale su Toscana e Umbria, di Tramontana in Liguria, da est in Val Padana; in attenuazione a fine giornata. Saranno mossi l’Adriatico centrale e settentrionale, il Golfo Ligure, il Tirreno occidentale, i Canali delle Isole e lo Ionio meridionale; calmi o poco mossi i restanti bacini.

DOMENICA

Tempo soleggiato in gran parte del Nord, con maggiori annuvolamenti all’estremo Nord-Ovest, e nei settori settentrionali della Toscana, dell’Umbria e delle Marche. Qualche parziale schiarita soprattutto in costa nel nord della Calabria, nel sud della Puglia e sulla Sicilia occidentale, prevalenza di nuvole nel resto dell’Italia, con qualche pioggia isolata o breve rovescio, soprattutto nel corso del pomeriggio, su bassa Toscana, zone interne di Lazio e Abruzzo, nell’Appennino meridionale, in Sardegna e sulla Sicilia orientale.

Temperature minime in lieve aumento nelle Isole, in calo al Centro-Nord con qualche locale debole gelata anche in pianura al Nord. Massime in rialzo di 1-3 gradi nelle aree più soleggiate delle regioni centro-settentrionali. Venti in attenuazione al Nord e al Centro; moderato Scirocco nei canali di Sicilia e di Sardegna, che saranno da mossi a molto mossi. Localmente mossi anche il basso Ionio e gli altri mari intorno alla Sardegna e alla Corsica, poco mossi o quasi calmi i rimanenti bacini.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata