Altri pacchi bomba negli Stati Uniti: al ristorante di De Niro e a Joe Biden

Minaccia all'attore e all'ex vice presidente, entrambi critici col presidente Trump, come i destinatari degli altri ordigni. Il tycoon attacca i media: "Responsabili della rabbia della società"

Altri tre pacchi sospetti, simili a quelli inviati a Barak Obama e ad altri esponenti democratici, sono stati trovati negli Stati Uniti. Uno era in un ristorante di New York di proprietà di Robert De Niro, a Greenwich street, nel quartiere di Tribeca e gli altri due in Delaware indirizzati a Joe Biden, che è stato vice presidente quando Obama era alla Casa Bianca, viene regolarmente citato come possibile candidato democratico alle presidenziali del 2020.

Il pacco trovato a New York, che non è esploso e non ha causato feriti, è stato segnalato da un impiegato di TribeCa Productions, la società di produzione di De Niro, intorno alle 5 ora locale (le 11 circa in Italia). A quel punto la polizia ha inviato sul posto la sua squadra di artificieri e il pacco è stato prelevato e trasportato nel centro di analisi del Bronx. L'evacuazione dell'edificio non è stata necessaria perché in quel momento non era presente nessuno.

Secondo Cnn, il secondo pacco diretto a Biden contiene potenziali ordigni esplosivi che sembrano simili a quelli trovati negli altri, non ci sono invece conferme sugli altri due rinvenuti oggi. Al momento sono quindi ottopacchi bomba inviati negli ultimi giorni negli Stati Uniti. Finora sono stati confermati pacchi apparentemente tutti con le stesse caratteristiche indirizzati a: Hillary Clinton, Barack Obama, il miliardario George Soros, l'ex attorney general Eric Holder, l'ex direttore della Cia John Brennan (questo nella sede della Cnn a New York), e due per la deputata democratica Maxine Waters (uno intercettato in un ufficio delle poste nel centro di Los Angeles e l'altro in un centro di smistamento della posta a Capitol Heights in Maryland). 

Il commissario della polizia di New York James O'Neill ha riferito che gli investigatori sospettano che a essere presi di mira siano stati personaggi contrari all'amministrazione Trump. Lo stesso De Niro a giugno, durante la cerimonia dei Tony Awards, insultò il presidente: "Non più abbasso Trump, ma fottiti Trump". 

La Casa Bianca ha condannato gli episodi definendoli "atti ignobili". Ma Trump ha accusato i media di essere responsabili della "rabbia" nella società americana che ha portato alla serie di pacchi bomba. "Gran parte della Rabbia che vediamo oggi nella nostra società - ha scritto il tycoon su Twitter - è causata da notizie false e approssimative che vengono intenzionalmente riportate dai Media Mainstream che io chiamo Fake News. È diventato così cattivo e odioso che va al di là della possibilità di descrizione. I Media Mainstream devono mettere a posto le loro azioni, VELOCEMENTE!". 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata