Donald Trump sempre più isolato e solo dopo l’assalto dei suoi fan e sostenitori a Capitol hill, a Washington: i funzionari dell’amministrazione Usa hanno iniziato a discutere la possibilità di invocare il 25 emendamento per rimuovere il presidente dall’incarico. Lo riporta The Hill citando una fonte a conoscenza dei fatti. I funzionari si sono scambiati chiamate e messaggi sulla misura straordinaria, che richiederebbe alla maggioranza del gabinetto e al vicepresidente Pence di dichiarare al Congresso che Trump non è in grado di adempiere ai suoi doveri di presidente.

Dimisisoni a pioggia tra i suoi collaboratori, tra cui quelle di Stephanie Grisham, capo dello staff e addetta stampa della first lady Melania Trump, che si è dimessa proprio  a seguito dell’assalto al Campidoglio degli Stati Uniti.

E arriva la condanna anche dei social network: in una mossa senza precedenti, Facebook e Twitter hanno bloccato gli account del presidente uscente Usa Donald Trump dopo aver pubblicato ripetutamente false accuse sull’integrità delle elezioni, mentre i suoi sostenitori hanno assaltato il Campidoglio degli Stati Uniti. Twitter ha bloccato l’account di Trump per 12 ore, e lo ha minacciato di un blocco permanente se infrangerà nuovamente le regole. Facebook lo ha sospeso per 24 ore. Le due piattaforme, così come YouTube, hanno inoltre rimosso un breve video che il tycoon ha pubblicato mercoledì in cui esortava i suoi sostenitori che hanno preso d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti a “tornare a casa” mentre, allo stesso tempo, ripeteva false accuse riguardo alle elezioni presidenziali.

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata

Tag:,