Nella capitale gli attivisti della ong "Rio La Paz" hanno esposto nuovamente i drappi per commemorare i morti

(LaPresse) – Torna la protesta dei 600 fazzoletti bianchi in Brasile, uno per ogni migliaio di morti causati dal Covid nel Paese. Dalla spiaggia di Copacabana a Rio de Janeiro, alla sede del Congresso a Brasilia. Nella capitale gli attivisti della ong “Rio La Paz” hanno esposto nuovamente i drappi per commemorare le vittime, questa volta insieme ai loro familiari. Nel mirino della contestazione, sempre lo stesso obiettivo: il governo di Jair Bolsonaro, reo di aver minimizzato a lungo il pericolo rappresentato dal virus, soprattutto per le fasce di popolazione più umili. In Brasile sono morte 600mila persone a causa del Coronavirus dall’inizio dalla pandemia. Il Paese occupa attualmente il secondo posto per numero di contagi totali, dietro, solamente, agli Stati Uniti.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata