L'avvocato della famiglia Peleg chiede alla stampa di rispettare la privacy del bambino

(LaPresse) “Dopo questa udienza la corte ha deciso di riaggiornare all’8 ottobre. Fino ad allora ci sono degli accordi tra le due famiglie che la Corte ha chiesto di accettare”. Così l’avvocato della famiglia Biran dopo l’udienza che si è tenuta a Tel Aviv per l’affidamento di Eitan, il bimbo di 6 anni unico sopravvissuto alla strage del Mottarone. “Le abbiamo accettate, ora vogliamo mantenere la privacy del bimbo, della famiglia” ha aggiunto. A fargli eco il legale della famiglia Peleg: “Chiediamo alla stampa in Italia e in Israele, in tutto il mondo, di rispettare la privacy del bimbo e delle famiglie”. Il bimbo è conteso tra la famiglia paterna, che vive a Pavia, in Italia, e la famiglia materna che vive in Israele.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata