Il presidente dell'agenzia bombardata da Israele: "Il mondo saprà meno di ciò che sta accadendo nella Striscia"

Il presidente e Ceo dell’agenzia Usa Associated Press Gary Pruitt si è detto “scioccato e inorridito dall’inquietante attacco israeliano” al palazzo che ospitava gli uffici di AP a Gaza City.

“Siamo scioccati e inorriditi dal fatto che l’esercito israeliano abbia preso di mira e distrutto l’edificio che ospita l’ufficio di AP e altre organizzazioni giornalistiche a Gaza. Conoscevano da tempo l’ubicazione del nostro ufficio e sapevano che c’erano dei giornalisti. Abbiamo ricevuto un avviso che l’edificio sarebbe stato colpito”, ha dichiarato il numero uno dell’agenzia, principale partner internazionale di LaPresse.  “Stiamo cercando informazioni dal governo israeliano e siamo impegnati con il dipartimento di Stato degli Stati Uniti per cercare di saperne di più – prosegue Pruitt -. Questo è uno sviluppo incredibilmente inquietante. Abbiamo evitato per un pelo una terribile perdita di vite umane. Una dozzina di giornalisti e liberi professionisti di AP erano all’interno dell’edificio e per fortuna siamo stati in grado di evacuarli in tempo”. “Il mondo”, ha concluso il presidente di Ap, “saprà meno di ciò che sta accadendo a Gaza a causa di ciò che è accaduto oggi”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata

Tag:,