Il tycoon era accusato di tangenti e corruzione

Lai Xiaomin, ex presidente della China Huarong Asset Management Co., società finanziaria di gestione patrimoniale di proprietà statale della Cina, è stato condannato a morte per aver preso tangenti, corruzione e bigamia, in uno dei più grandi casi di criminalità finanziaria della nazione. Xiaomin è stato giudicato colpevole dal tribunale di aver ricevuto 1,79 miliardi di yuan (277 milioni di dollari) in tangenti i tra il 2008 e il 2018.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata