Wadi el-Hai (Libia), 13 ago. (LaPresse/AP) – Continuano gli scontri tra i ribelli e le forze di Muammar Gheddafi in Libia sulle montagne occidentali di Nafusa. In mattinata i ribelli avevano comunicato di aver conquistato il controllo della città di Gharyan, a 80 chilometri a sud di Tripoli, dopo quattro ore di combattimenti. Poche ore però l’esercito di Tripoli è tornato rinforzato nei numeri, e gli scontri sono ripresi. La città è un importante punto di passaggio sulla strada per la capitale, a cui le forze di opposizione puntano dopo aver lanciato l’offensiva a partire proprio dalle montagne di Nafusa nelle ultime settimane. Secondo Ibrahim, i residenti di Gharyan si sono uniti ai combattenti di opposizione, nonostante che negli ultimi mesi circa 2.500 uomini siano stati arrestati per essersi schierati contro il regime.

Intanto decine di famiglie stanno approfittando dell’avanzamento dei ribelli verso le città costiere per lasciare Tripoli in direzione delle montagne di Nafusa, controllate proprio dall’opposizione. Le famiglie stanno scappando attraverso strade secondarie del deserto che sembrano essere meno controllate, in mezzo agli scontri tra ribelli e forze di Gheddafi. I ribelli riferiscono di aver registrato la fuga da Tripoli di 55 famiglie negli ultimi tre giorni. Sassi Ahmed, insegnante di 47 anni, racconta di aver lasciato la capitale libica con la moglie e i sei figli nella mattinata di oggi. Spiega di essersene andato perché la situazione a Tripoli, dove mancano luce e gas, è “spaventosa”.Un altro uomo, che non ha voluto rivelare il proprio nome perché teme per l’incolumità dei parenti rimasti a Tripoli, riferisce che in un primo momento le truppe di Gheddafi lo hanno rimandato indietro, ma poi è riuscito a trovare una seconda strada di fuga dalla capitale, assieme alla moglie e alle due figlie.

Secondo il comandante ribelle Fathi el-Ayeb i combattenti si trovano ora a 15 chilometri da Zawiya, città ancora sotto controllo delle forze di Gheddafi e obiettivo chiave nella marcia verso la capitale. Secondo el-Ayeb, coloro che sono riusciti ad arrivare fino a Zawiya raccontano che i residenti locali stanno attendendo che le forze ribelli raggiungano le periferie della città per unirsi alla loro lotta contro Gheddafi. “Stanno attendendo l’arrivo dei ribelli e si uniranno a loro”, ha detto el-Ayeb.

Sul fronte est, giovedì i ribelli avevano annunciato di aver preso il controllo di parte della città di Brega. Secondo il portavoce dei ribelli, il colonnello Ahmed Bani, le forze di opposizione stanno combattendo contro l’esercito di Tripoli per prendere il controllo del resto della città. “Molto presto – ha detto – tutta Brega sarà liberata”.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata