Milano, 13 nov. (LaPresse) – Atlantia ha chiuso i primi nove mesi dell'anno con un calo dei ricavi del 29% a 6,223 miliardi di euro a causa non solo delle conseguenze della pandemia del coronavirus ma anche delle variazioni di perimetro di consolidamento (su base omogenea il calo è del 26%).

Nello specifico, si legge in una nota, ha pesato il calo del traffico autostradale: -26,6% in Italia, -30,9% in Spagna, -23,2% in Francia, -34,7% in Cile, -11,8% in Brasile, -14,6% in Messico; e ancor di più la contrazione del traffico aeroportuale: -73,5% Aeroporti di Roma, -66,3% Aéroports de la Côte d’Azur.

(segue)

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata