Lo struggente pensiero dell'attore romano in ricordo del mattatore morto nel giorno del suo 80esimo compleanno

Pierfrancesco Favino ha voluto salutare con uno struggente sonetto in romanesco Gigi Proietti. Parole pubblicate sul profilo Instagram dell'attore.

"Però ‘n se fa così, tutto de botto/ Svejasse e nun trovatte, esse de colpo a lutto/Sentì drento a la panza strignese come un nodo/Sape’ che è la mancanza e nun avecce er modo/de ditte grazie a voce pe' quello che c’hai dato/pe' quello che sei stato, perché te sei inventato/un modo che non c’era de racconta' la vita/e ce l’hai regalato così un po’ all’impunita/ facendo crede a tutti che in fondo eri normale/si ce facevi ride de quello che fa male/si ce tenevi appesi quando facevi tutto/Parla’, balla’, canta’, pure si stavi zitto/Te se guardava Gi’, te se guardava e basta/come se guarda er cielo, senza vole’ risposta/All’angeli là sopra faje fa du risate/ai cherubini imparaje che so’ le stornellate/Salutece San Pietro, stavolta quello vero/tanto gia’ ce lo sanno chi è er Cavaliere Nero".

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Però ‘n se fa così, tutto de botto. Svejasse e nun trovatte, esse de colpo a lutto. Sentì drento a la panza strignese come un nodo Sape’ che è la mancanza e nun avecce er modo de ditte grazie a voce pe' quello che c’hai dato pe' quello che sei stato, perché te sei inventato un modo che non c’era de racconta' la vita e ce l’hai regalato così un po’ all’impunita, facendo crede a tutti che in fondo eri normale, si ce facevi ride de quello che fa male, si ce tenevi appesi quando facevi tutto, Parla’, balla’, canta’, pure si stavi zitto. Te se guardava Gi’, te se guardava e basta come se guarda er cielo, senza vole’ risposta. All’angeli là sopra faje fa du risate, ai cherubini imparaje che so’ le stornellate, Salutece San Pietro, stavolta quello vero, tanto gia’ ce lo sanno chi è er Cavaliere Nero.

Un post condiviso da Pierfrancesco Favino (@pierfrancescofavino) in data:

 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata