Il sindaco Mimmo Lucano lascia Riace: non può più abitarci. De Magistris lo invita a Napoli

Dopo il divieto di dimora, il sindaco della località calabrese si è allontanato e non si conosce la sua destinazione. Il collega partenopeo: "Se vuoi ti ospitiamo qui". E Saviano cita Dante

Domenico Lucano ha lasciato Riace questa mattina, dopo il divieto di dimora imposto al primo cittadino dal tribunale del Riesame di Reggio Calabria che ha revocato gli arresti domiciliari, disposti dal giudice di Locri. "Mimmo ha lasciato casa sua questa mattina presto - commenta ai microfoni di Skytg24 Enzo Infantino, attivista della rete dei Comuni solidali - Presumo sia nelle vicinanze di Riace anche se ancora non conosciamo la sua nuova abitazione. Il modello Riace non è fallito, come ha detto Mimmo c'è questa volontà di utilizzare al meglio le risorse. Il sistema ha funzionato perché c'è stata integrazione". Lucano è accusato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina: stando a quanto emerso dalle indagini, avrebbe organizzato matrimoni di convenienza tra cittadini riacesi e donne straniere, al fine di favorire illecitamente la permanenza di queste ultime nel territorio italiano.

Intanto, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, in un tweet, ha invitato il sindaco di Riace a trasferirsi nella città partenopea: "Caro Mimmo lo so che non lascerai la tua e nostra amata Calabria ma se vuoi ti ospitiamo con amore a Napoli. Il divieto di dimora nella tua Riace è peggio degli arresti domiciliari. Ma non potranno mai arrestare la rivoluzione. Riace vivrà con Lucano Sindaco!".

E sempre su Twitter è arrivato un altro messaggio di solidarietà al sindaco di Riace. A scrivere è Roberto Saviano che ha citato Dante, indicando Lucano come guida, come Virgilio: "Vien dietro a me, e lascia dir le genti: sta come torre ferma, che non crolla già mai la cima per soffiar di ventì. Dante. #Forzamimmo". Il riferimento come guida, come novello Virgilo.

Un altro invito è arrivato da Matteo Richetti, candidato alla segreteria Pd: "Se ti impediscono di dimorare nella tua città, caro #MimmoLucano, vieni a Roma e aiutaci a portare il modello #Riace in tutto il Paese", ha scritto su Twitter. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata